Carabinieri Forestali e WWF Italia contro le zoomafie

Il 23 novembre 2020, i Carabinieri Forestali “Stazione di Boscoreale (NA)”, congiuntamente a Domenico Di Donna, Guardia Giurata Venatoria-Zoofila del WWF Italia, Nucleo di Napoli, hanno sorpreso una persona intenta a catturare avifauna selvatica particolarmente protetta nel territorio del comune di Boscoreale (NA), nei noccioleti.

La persona era perfettamente mimetizzata nella boscaglia. L’occhio esperto del nostro Domenico Di Donna non ha lasciato scampo all’uccellatore-bracconiere. Quindi i Carabinieri hanno denunciato quest’uomo che praticava l’uccellagione, con l’ausilio di una rete a scatto. Ricordiamo che l’uccellagione è severamente vietata sia dalla Legge italiana, sia dalla Legge regionale, sia dalle Leggi e Direttive europee ed internazionali.
Quindi è stata sequestrata una rete, 6 fanelli e 4 cardellini, sempre con i CC Forestali di Boscoreale.
Il controllo era finalizzato all’accertamento di reati in danno dell’ambiente e della fauna selvatica.
I cardellini ed i fanelli (sono tutti uccelli particolarmente protetti, appartenenti alla famiglia dei fringillidi) sono stati trasferiti d’urgenza al pronto soccorso del Presidio Ospedaliero Veterinario del Frullone di Napoli per le necessarie cure dei sanitari.
Spesso la pratica dell’uccellagione provoca un forte stress e maltrattamento ai poveri uccellini, che spesso si feriscono e presentano lesioni e ferite a volte sanguinanti.
I controlli anti bracconaggio da parte delle Guardie Giurate del WWF Italia sono costanti e continui, ma tutte le persone che vengono denunciate si giustificano appellandosi al termine “passione”. IN VERITÀ SI MUOVE UN GIRO ECONOMICO ENORME ALLE SPALLE DI QUESTI POVERI ANIMALI SELVATICI. In pratica, vista anche la rete di collegamenti criminali, possiamo assolutamente parlare di ZOOMAFIE !!! Holding criminali che lucrano ai danni di animali in via di estinzione o molto rari e degli equilibri della Natura.
Gli esemplari trasportati per le cure necessarie al Pronto Soccorso Veterinario, con annesso CRAS (centro recupero animali selvatici), presso il “Frullone” di Napoli saranno liberati, previa riabilitazione sanitaria, motoria ed etologica.
Si coglie l’occasione per ringraziare sempre l’Arma dei Carabinieri, con cui il WWF ITALIA ha stipulato un importante protocollo d’intesa davvero operativo.

Print Friendly, PDF & Email