Capua divisa in due: chiuso il ponte romano

94
informareonline capua ponte romano bus
Pubblicità

Capua divisa in due. Chiuso ieri, 10 luglio, l’unico ponte che collega la parte Nord con quella Sud della città. Serie conseguenze  sulla circolazione urbana e sulle attività economiche, ma anche sui collegamenti tra Capua e i comuni vicini.

Capua divisa in due: chiuso il ponte romano

La chiusura del Ponte Romano, segna l’inizio di un’emergenza che non si rivedeva dal 9 settembre 1943, quando le bombe fecero crollare i due ponti. L’ordinanza stabilisce il divieto di transito per tutti i veicoli e per tutti i pedoni sul Ponte Romano sul Volturno. Fino ad allora, per passare da un versante all’altro bisognerà uscire dal territorio di Capua; o si sceglie ovest, dal ponte di Annibale a Bellona, oppure est, dal ponte di Grazzanise.

Pubblicità

Le parole del sindaco

Il nuovo sindaco, Adolfo Villani, parla di “emergenza grave e drammatica. Con un lungo post sulla sua pagina Facebook annuncia la chiusura del ponte dopo un sopralluogo tenutosi il giorno 9 luglio con i due tecnici che hanno già seguito le campagne di indagine e progettato gli interventi sul ponte nuovo, Saturnino Di Benedetto e Michele Contaldo.

“Questa è una emergenza vera. Lo Stato ci aiuti subito e Capua resti unita.  Stamane Stamane si va verso la chiusura dell’unico ponte che collega la parte Nord con quella Sud della città – scrive il Sindaco – ma si chiude anche quella che per secoli è stata “la porta del Mezzogiorno.

Ho chiesto un vertice in prefettura che è stato prontamente convocato alle 18.30 e ha visto anche la partecipazione della Amministrazione provinciale, del Genio Civile, della Questura, della Polizia Stradale, del Vigili del Fuoco. Con la Prefettura – aggiunge Vilani – abbiamo informato la protezione civile regionale e la giunta regionale della Campania.

Nella riunione ho chiesto non solo di accelerare tutte le iniziative necessarie per avere il dissequestro temporaneo e avviare i lavori di messa in sicurezza del ponte nuovo ma anche l’attivazione di tutti gli enti deputati ad intervenire per governare fin da subito l’impatto che avranno la chiusura temporanea del ponte – necessaria per approfondire la conoscenza dello stato reale della infrastruttura – e le ulteriori decisioni che ne deriveranno”.

Il sindaco ha pubblicato un secondo post Facebook: “Ieri pomeriggio, durante il vertice in Prefettura sulla questione del Ponte romano, abbiamo richiesto l’intervento del Genio militare a Capua. La pronta risposta dell’Esercito Italiano, attivato dalla Prefettura di Caserta, è avvenuta questa mattina, 9 luglio, quando i militari si sono recati in città per una ricognizione sul posto. Terremo aggiornata la cittadinanza”.

 

Pubblicità