Capodrise, al PalArti Bertinotti e Nogaro con il “Padre Nostro” di Pasolini

nogaro

Fede e ragione si confrontano all’insegna di una riflessione, al contempo, laica e religiosa. Da sempre l’uomo cerca di risalire alle proprie origini. Alla luce di questa continua ricerca, il Palazzo delle Arti di Capodrise, in provincia di Caserta, ha chiesto a due uomini d’alto spessore culturale di interrogarsi sulla figura del Padre, partendo dal Padre nostro di Pier Paolo Pasolini. Si tratta di Fausto Bertinotti e Raffaele Nogaro, che il 5 aprile, alle 17:30, animeranno un interessante dibattito.

Presidente della Camera dei deputati dal 2006 al 2008, pacifista nonviolento e fautore di un’alternativa socialista al capitalismo totalitario, il primo; vescovo emerito della città di Caserta, indicato dallo scrittore Roberto Saviano come una figura epica, un esempio di impegno nel contrasto alla camorra, il secondo. Pierpaolo Pasolini, grande intellettuale “scomodo”, nel 1977 riscrisse la nota fra le preghiere cristiane, il Padre nostro, inserendola nel secondo episodio di Affabulazione, un dramma teatrale ispirato al noto Edipo Re di Sofocle. Sono versi intrisi di profonda concretezza. Una preghiera, la sua, viscerale, terrena. Una supplica che l’autore trasforma in grido di aiuto, da parte di un uomo che invoca la comprensione del padre, il quale, suo malgrado, resta muto. È una preghiera insolita, che si rivolge a un padre che Pasolini sente lontano, distante dalla sua scandalosa diversità, dalla sua personale lotta contro ogni forma di conformismo, sia morale che reale. Quello di Pasolini è un forte bisogno di verità, che contribuirà a ritagliare per lui una posizione di intellettuale controcorrente. Due preghiere, queste, che, partendo dalla imprescindibile necessità che ha l’uomo di dialogare con il proprio padre, percorrono strade diverse e, a volte, diametralmente opposte, come lo è stato per Bertinotti e Nogaro. L’evento rientra nella rassegna culturale In cerca del padre, patrocinata dalla Provincia di Caserta, dalla Regione Campania, dal Consiglio Regionale della Campania e dal Ministero dei Beni culturali. L’incontro, cui parteciperanno, tra gli altri, anche il sindaco di Capodrise Angelo Crescente, il direttore della rassegna, Michelangelo Giovinale e il giornalista Claudio Lombardi, sarà moderato dalla giornalista Annamaria La Penna.

di Teresa Lanna

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.