informareonline-capodanno fuochi borrelli

Capodanno, il bilancio napoletano: aumento dei botti, pistolettate e sfida alle istituzioni

Redazione Informare 03/01/2022
Updated 2022/01/03 at 4:34 PM
3 Minuti per la lettura

Capodanno – In territorio napoletano le ordinanze sindacali contro i botti ed i fuochi d’artificio non hanno sortito gli effetti sperati. Analizzando ciò che è stato denunciato e/o ‘celebrato sui social, sembra che, anzi, durante la notte di San Silvestro 2021-22 si sia registrato un incremento – rispetto alle annate passate quando il fenomeno dei botti selvaggi sembrasse ormai in calo – dei festeggiamenti con fuochi e botti, di incidenti e di atti del tutto folli, come quelli di dar il benvenuto al nuovo anno a suon di pistolettate.

La denuncia del Consigliere Borrelli

Su quest’ultimo fenomeno son ben due mila i filmati Tik Tok denunciati dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli: «La notte di Capodanno rappresenta soltanto la punta dell’iceberg perché qui si sparano fuochi e botti ogni giorno prendendo in ostaggio strade e piazze. Quest’anno si è data vita ad una vera follia, ci sono stati segnalati centinaia di video, da noi denunciati alle autorità, in cui le persone si sono fatte immortalare mentre sparano con pistole, vere o finte, dai balconi per festeggiare il capodanno. Alcuni anche con fucili e fucili a canne mozze.».

In molti hanno collegato l’elevato numero di botti sparati – nonostante le ordinanze emesse – all’esigenza della popolazione di ribellarsi alle misure restrittive di un Governo che mostra la propria impreparazione di fronte all’emergenza covid – che dura da ormai quasi due anni – con atti di repressione e al bisogno di sfogarsi dopo annate molto complicate (covid e crisi economica).

I filmati di Capodanno girano ancora sui social

Se da un lato si può comprendere lo stato d’animo del popolo – le cui paure non vengono placate da chi dovrebbe guidarlo – dall’altro non si può giustificare un fenomeno che mette in pericolo non solo la salute dell’ambiente, degli animali ma anche quella degli stessi cittadini. Soprattutto è preoccupante che certi gesti siano una chiara sfida alle istituzioni. Simbolico, a tal proposito, è un filmato postato su Tik Tok, in cui viene mostrata una batteria di fuochi d’artificio sparata a via Stadera che blocca la strada ed impedisce il transito ad una volante della Polizia.

A Torre del Greco, invece, ‘in memoria’ di quel folle Capodanno 2019-20, via della Fontana, durante i festeggiamenti nella notte di San Silvestro, è stata trasformata in un campo di battaglia, così come documentato da un filmato pubblicato da Andrea Speranza, un cittadino torrese che dopo vent’anni di esperienza in Cina è tornato nella sua città natale per creare la Start-up “ZeroNetto”. Un delirio che ha coinvolto adulti ma anche bambini.

Capiamo le esigenze di sfogo del popolo, ma non è così che si combatte la crisi ed il malessere.

di Fabio De Rienzo

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *