informareonline-Campidoglio-sotto-attacco-dai-sostenitori-di-Trump
Pubblicità

Quelle di stasera sono indubbiamente immagini che rimarranno impresse nella storia, immagini che saranno ricordate come rappresentazione di uno dei capitoli più bui degli Stati Uniti d’America. Durante la seduta che avrebbe dovuto definitivamente confermare la candidatura presidenziale di Joe Biden, centinaia di sostenitori di Trump hanno fatto irruzione al campidoglio di Washington interrompendo l’assemblea.

Forze speciali ed FBI sono immediatamente penetrati all’interno della struttura per sedare quella che è a tutti gli effetti una rivolta. Le notizie che arrivano da oltreoceano parlano di sparatorie e di almeno una donna ferita. Altra notizia certa è l’utilizzo di gas lacrimogeni che hanno costretto i parlamentari a nascondersi sotto le loro sedie muniti di maschere antigas. Insomma quello che viene dipinto è a tutti gli effetti uno scenario quasi apocalittico che supera anche le più fervide immaginazioni di sceneggiatori e registi.

Pubblicità

Trump, che inizialmente aveva incoraggiato i moti rivoltosi, ha poi ritrattato le sue affermazioni chiedendo di placare le violenze attraverso un post su Twitter. Il gesto di estrema ipocrisia non ha fatto altro che riconfermare per l’ennesima volta la capacità di Donald Trump nel fallire sia a livello etico che professionale. L’autoelevazione di quest’uomo a messia di un manipolo di disperati reazionari è quanto di più tragicomico accaduto alla politica mondiale dell’ultimo mezzo secolo. Risulta difficile credere che tale soggetto riesca ancora a conquistare una fetta di quello che si professa il paese più evoluto del mondo e soprattutto conquistarli in maniera tale da indurli alla forza nei confronti di organi istituzionali.

Per cercare di contrastare i sostenitori dell’ormai ex presidente degli USA la sindaca di Washington, Muriel Bowser, ha imposto lo stato di coprifuoco entro le 18 per tutta la città.

Si aspettano dunque sviluppi della vicenda che sembra già essere tragica a causa di feriti, feritori e ignoranti.

di Giuseppe Spada

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità