Allerta Meteo - Campania

Campania, allerta meteo fino a lunedì sera

Redazione Informare 17/04/2023
Updated 2023/04/17 at 11:20 AM
2 Minuti per la lettura

La Protezione civile della Campania ha ulteriormente prorogato la vigente allerta meteo per piogge e temporali: considerati gli attuali scenari meteorologici resterà in vigore fino alle 21 di lunedì 17 aprile. 

Allerta meteo di colore giallo

Il livello di criticità, ossia del rischio idrogeologico per temporali resta “giallo” su tutto il territorio. Si raccomanda di prestare attenzione a possibili fenomeni franosi o caduta massi anche in assenza di precipitazioni, per effetto della saturazione dei suoli legata alle piogge di questi giorni o a causa di condizioni particolarmente fragili del territorio.

I fenomeni temporaleschi saranno ancora caratterizzati da incertezza previsionale e rapidità di evoluzione e potrebbero essere accompagnati da grandine, fulmini e raffiche di vento. Le precipitazioni, in alcuni punti del territorio quindi saranno repentine e intense.

Attenzione ai probabili scenari

Tra gli scenari connessi al rischio idrogeologico si segnalano anche allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua con inondazioni delle aree limitrofe, ruscellamenti, scorrimento delle acque nelle sedi stradali, fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche. La particolare tipologia dei temporali a rapidità di evoluzione, accompagnata da vento grandine e fulmini, potrebbe poi causare caduta di rami o alberi, danni alle coperture e alle strutture provvisorie.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda ai sindaci di attivare o mantenere attivi i COC (Centri operativi comunali), di verificare la corretta ricezione delle comunicazioni da parte della Sala operativa regionale, di porre in essere tutte le misure di prevenzione e mitigazione dei rischi previsti in linea con i rispettivi piani comunali nonché di monitorare la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *