Caldo record, come cambia il clima: le cause, gli effetti e quando finirà

Cristina Siciliano 23/07/2023
Updated 2023/07/22 at 5:37 PM
3 Minuti per la lettura

Da «Eternal» a «Infernal» basta poco o meglio bastano quei gradi in più sopra la media che stanno rendendo Roma e molte altre città invivibili per l’emergenza caldo in Italia. Nei giorni in cui l’Italia è nella morsa dell’anticiclone africano Caronte, con temperature da record e allerta rosse in più di 16 città, climatologi, urbanisti e scienziati sembrano decisamente concordi: non si può (più) stare con le mani in mano.  

Il Paese europeo con più vittime 

Anche in questa estate, l’Italia è alle prese con le alte temperature. Addirittura, in alcune aree si potrebbero superare i 40 gradi, come è già successo lo scorso anno, quando il nostro è stato il Paese europeo con più vittime per il caldo: 18.100 su un totale di 61.672, secondo uno studio coordinato dal Barcellona Institute for Global Health pubblicato su Nature Medicine. 

Con il caldo intenso salgono anche i rischi per la salute degli italiani. Sono in aumento infatti le città contrassegnate dal bollino rosso (possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui gruppi a rischio come anziani bambini piccoli e persone con malattie croniche). Le città da bollino rosso passano infatti da 10 alle 15 di sabato e alle 16 di domenica, su 27 centri monitorati. Sabato le città in rosso sono Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Perugia, Pescara, Rieti, Roma e Viterbo. Domenica vi si aggiungerà anche Palermo. 

Quali sono i consigli 

Secondo le indicazioni che dà il Ministero della Salute in caso di bollino rosso, ci sono: evitare di esporsi al caldo e al sole diretto nelle ore più calde della giornata (tra le 11.00 e le 18.00); evita le zone particolarmente trafficate e recarsi in luoghi pubblici come parchi e giardini nelle ore più fresche della giornata; trascorrere le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa, bagnandosi spesso con acqua fresca; trascorrere alcune ore in un luogo pubblico climatizzato, in particolare nelle ore più calde della giornata. 

Quando finirà questo caldo? 

Questa nuova ondata di calore porterà anche notti tropicali, con il superamento dei 20 gradi delle minime, e umidità, che aumenteranno il disagio fisico. Anche se da giovedì, ma l’evoluzione è ancora in fase di valutazione, al centro Nord potrebbe registrarsi un abbassamento delle temperature sempre superiori alla media ma più basse, tra i 34 e i 36 gradi. Mentre per Sardegna, Puglia e Sicilia all’orizzonte non si vedono cambiamenti essenziali a parte 2-3 gradi in meno rispetto a temperature che resteranno sempre alte. 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *