informareonline-Calciomercato

Calciomercato: tanti arrivi e tante partenze in casa Napoli

Rossella Schender 02/09/2022
Updated 2022/09/02 at 12:55 PM
7 Minuti per la lettura
© equipoarrow

Le perturbazioni estive animate dalle tante partenze sono state spazzate via dal vento dei cambiamenti tra le braccia di Partenope. Tanti gli addii e tanti gli arrivi nella rosa di mister Spalletti, in quella che è stata una finestra di calciomercato scoppiettante.

Alcuni addii più amari di altri

Preannunciato con largo anticipo e ampiamente criticato sui social è stato l’addio di Lorenzo Insigne ai colori azzurri. La partenza a parametro zero del Magnifico ha aperto le danze a una sessione di calciomercato estivo quasi interminabile quanto dolorosa. La bella stagione è iniziata per i partenopei in modo tutt’altro che piacevole. Salutare quelli che erano stati per anni i suoi Senatori, i pilastri portanti di un progetto nel quale si era investito tifo e passione è stata una bella batosta da digerire.

Si era tanto sperato di poter vedere il Komandante, Kalidou Koulibaly, con la fascia al braccio in questa stagione; così come si era tanto sperato di non salutare Dries Mertens, il marcatore più prolifico della nostra storia, in questo modo. Senza una celebrazione sul terreno di gioco dello stadio che l’aveva battezzato Ciro. Ma si sa, tutte le cose son destinate a finire. Ed è per questo, infatti, che si è arrivati all’epilogo dell’esperienza in azzurro anche per Malcuit, Ghoulam e Tuanzebe oltre che per Petagna, Ospina, Ounas e Fabián Ruiz.

I nuovi gioielli di casa Napoli

Il vento delle novità ha però portato con sé anche tanto entusiasmo. La campagna acquisti portata avanti da Cristiano Giuntoli ha rasserenato l’ambiente. I nuovi pupilli di casa Napoli ci hanno messo poco a conquistare il tifo biancazzurro. Khvicha Kvaratskhelia su tutti. Il georgiano classe 2001, indicato dalla UEFA come uno dei 50 giovani più promettenti della stagione 2019-2020, ha completamente fatto impazzire il tifo azzurro. Contando già numeri record, Khvicha si è già aggiudicato una poltrona d’onore nella storia del Napoli. Quattro partite e tre gol per lui, senza contare i numerosi assist serviti ad hoc ai compagni di reparto e non.

Dall’attacco alla difesa, Giuntoli non ha mancato di portare a mister Spalletti rinforzi nel reparto difensivo, privato del suo pilastro portante. È così che sono arrivati Mathias Olivera, terzino sinistro dal Getafe, pronto a sopperire alla mancanza di Ghoulam. Leo Østigård, centrale di difesa norvegese: un vichingo puro dal fisico imponente, abile in marcatura e nei duelli aerei. A lui però sarà riservato il ruolo di riserva d’oro, poiché colui che ha il compito di sostituire un immenso Kalidou Koulibaly è Kim Minjae. Il mancino sudcoreano mostratosi un muro in difesa. Strizzando l’occhio allo stile di gioco portato in campo da Sergio Ramos, The Monster non si risparmia mai in campo. Il feeling con Amir Rrhamani sembra già esser decollato, chissà se a fine stagione potremmo incoronarlo rivelazione dell’anno.

Rinforzi agli sgoccioli

La partenza di Ospina ha fatto scattare l’allarme anche per gli estremi difensori, è per questo che all’ombra del Vesuvio è arrivato Salvatore Sirigu. Il sardo classe ’87 è un ottimo rinforzo per il reparto difensivo azzurro. L’ex portiere del Genoa figura infatti tra i portieri della nazionale italiana con la quale, lo scorso anno, si è laureato campione d’Europa. Personalità, freddezza e sicurezza le caratteristiche principali del suo gioco. Interessante sarà capire se Luciano Spalletti sceglierà di alternare i due estremi difensori o proseguirà con la titolarità di Alex Meret.

La lista di rinforzi però non termina qui per la rosa napoletana. Alcuni si son fatti attendere più di altri ma alla fine Tanguy Ndombele, Giovanni Simeone e Giacomo Raspadori si son fatti trovare pronti per la loro avventura in azzurro. Ancora presto per giudicare il lavoro portato sul campo, dato che i minuti messi a loro disposizione contano a stento un tempo di gioco. Quel che è certo è che sin dal primo momento i tre si son dimostrati volenterosi di aggiungersi alla squadra di Spalletti e di certo non mancherà l’impegno per dare il proprio contributo alla causa azzurra.

Il mercato delle altre big di Serie A

A movimentare però questa sessione di calciomercato non è stato di certo solo il Napoli di Aurelio De Laurentiis. Non sono mancati i ritorni, le partenze e dei super arrivi ad arricchire le rose della Serie A. Il più chiacchierato dell’estate è stato sicuramente il trasferimento di Paulo Dybala. L’argentino è stato a lungo conteso tra Inter, Roma e Napoli infiammando questa finestra di calciomercato. Quando sembrava ormai fatta per approdare il quel di Milano, la scelta dell’ex numero 10 della Juventus è ricaduta sulla squadra capitolina. Il progetto della Roma e il prestigio di essere allenato da una personalità come José Mourinho devono aver fatto gola alla Joya, già protagonista di una doppietta con i giallorossi.

Il mancato arrivo di Dybala non ha smosso più di tanto gli animi dei tifosi nerazzurri. Il grande ritorno all’Inter di Romelu Lukaku, dopo un anno in Premier, e l’arrivo di Mkhitaryan son bastati alla Curva Nord milanese per animare le speranze scudetto.

Altra protagonista di questa estate è sicuramente la Juventus. Numerosi i cambiamenti in casa bianconera con le partenze di pilastri come Chiellini e Dybala e le cessioni di Morata, Bernardeschi e De Ligt. Il grande ritorno di Paul Pogba e l’arrivo di un giocatore di classe come Di Maria, oltre che il rinforzo in difesa con l’arrivo di Bremer e il tassello aggiunto da Milik in attacco, hanno salvato un calciomercato che sembrava più all’insegna dell’indebolimento che altro.

Tutto pronto per la Serie A

È dunque ufficialmente tutto pronto per la Serie A 2022-2023. Il tempo per rimpiangere il passato è finito, e i tifosi su e giù per la Penisola sono chiamati ora a spingere i propri beniamini al successo.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.