Cagliosa: il romanzo di Giuseppe Franza

60

Il calcio minore, quello di cui mai si parla e poco si sa. La periferia napoletana, con i suoi epocali difetti e i suoi sprazzi di commovente umanità. Ecco di cosa parla “Cagliosa“.

Disponibile in tutte le librerie e negli store online, “Cagliosa” di Giuseppe Franza, edito da Ortica editrice, è un romanzo calcistico, realistico, satirico e insieme drammatico che mette in luce i mali della provincia e dello sport inteso come sfogo di frustrazioni. Il protagonista, Giovanni detto Vangò, è un venticinquenne che ruba motorini per conto di un carrozziere e che nel tempo libero gioca a calcio nella squadra del suo quartiere: il Rione Incis Club, formazione di dilettanti iscritta al girone C della Terza Categoria provinciale napoletana. Ventidue sono le partite del torneo, e ventidue sono i capitoli del libro, attraverso cui Giovanni misura i propri limiti e il suo abbrutimento, subendo l’inutile ferocia dei compagni di squadra, l’ottusità dell’allenatore, i vincoli di un’esistenza da schiavo.

Pubblicità

Qualcosa sembra cambiare il giorno in cui incontra una bella giornalista sportiva, la sua nuova, impossibile ossessione. Stimolato da un sentimento inedito, il ragazzo comincia a rendersi conto di dover evolvere. Ma come?

Sullo sfondo, prosegue il campionato della Incis, tra risse, scorrettezze, acide rivalità, figuracce e futili rivalse. Non ci sono campioni né sportivi, e ogni personaggio rivela senza vergogna la propria deficienza morale. Ciononostante, lontani dai riflettori, su campi polverosi e invasi dall’erbaccia, Giovanni e compagni combattono per resistere alla forza centrifuga del non senso, per sopravvivere a loro stessi.

Il romanzo di Franza racconta il calcio come sport brutale, senza epica. Un libro che descrive senza condannare una realtà complicata e affascinante.

L’autore

Giuseppe Franza è nato a Napoli nel 1981, e ha vissuto nel piccolo paese di Volla più o meno fino alla laurea in filosofia. Ha lavorato come redattore ed editor per varie case editrici. Da una decina d’anni vive a Roma.

 

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità