juventus cda

Bufera Juventus: arrivano le dimissioni di tutto il Cda

Gennaro Alvino 29/11/2022
Updated 2022/11/29 at 4:16 PM
3 Minuti per la lettura

Cambia tutto in una notte per la Juventus che nella serata di ieri ha reso ufficiale le dimissioni di tutto il Cda. A fare un passo indietro anche Andrea Agnelli che lascia il club dopo oltre 12 anni di presidenza e in una lettera a tutti i dipendenti scrive: «La compattezza è venuta meno, meglio lasciare tutti insieme»; con lui lasciano anche Pavel Nedved e Maurizio Arrivabene. Una scelta quasi obbligata quella della dirigenza bianconera che deve fare i conti con il bilancio da approvare e la procura di Torino che sta attualmente lavorando sull’inchiesta per i presunti falsi in bilancio.

Un segnale del fatto che la situazione stesse prendendo una brutta piega lo si poteva intravedere nel secondo rinvio della riunione degli azionisti: inizialmente fissata per inizio ottobre, è poi slittata a fine novembre per poi essere clamorosamente rimandata al 27 dicembre. Il motivo è da rintracciare nella necessità di recepire i rilievi fatti dalla Consob, organo di controllo della Borsa, legati all’ultimo bilancio dei bianconeri, ovvero del 2021/2022. La società ha inizialmente riscritto i bilanci sulla base delle contestazioni dell’organismo di vigilanza, continuando però a ritenere errati i rilievi sia della Consob sia della Procura di Torino. Recentemente la Juventus ha però provato a modificare il progetto di bilancio seguendo le indicazioni della Consob e anche quelle della Procura.

Il comunicato per le dimissioni del Cda Juventus

La notizia è arrivata intorno alle 22 della giornata di ieri attraverso un comunicato dopo che il Cda si era riunito in un’assemblea straordinaria. «I membri del Consiglio di Amministrazione, considerata la centralità e rilevanza delle questioni legali e tecnico-contabili pendenti, hanno ritenuto conforme al miglior interesse sociale raccomandare che Juventus si doti di un nuovo Consiglio di Amministrazione che affronti questi temi. A tal fine, su proposta del Presidente Andrea Agnelli e onde consentire che la decisione sul rinnovo del Consiglio sia rimessa nel più breve tempo possibile all’Assemblea degli Azionisti, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione presenti alla riunione hanno dichiarato di rinunciare all’incarico». Adesso, mentre l’assemblea per la nomina del nuovo presidente è fissata per il 18 Gennaio 2023, tra i maggiori indiziati a ricoprire la più alta carica dirigenziale juventina c’è Gianluca Ferrero, indicato proprio oggi da Exor come uomo ideale a ricoprire tale incarico. L’unico nome sicuro per il momento resta però Maurizio Scanavino, scelto come nuovo Direttore Generale ma che entrerà in carica solo a partire dal prossimo 19 Gennaio, giorno in cui sarà eletto il primo Cda.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *