Brucellosi messaggio al Prefetto Castaldo

Brucellosi: alta tensione, arriva il messaggio al prefetto Castaldo

Redazione Informare 11/08/2022
Updated 2022/08/11 at 5:56 PM
3 Minuti per la lettura

Continua la querelle legata agli abbattimenti per presunti casi di brucellosi, in quella che è diventata una vera e propria “mattanza delle bufale”. Gli allevatori hanno voluto mandare un messaggio al Prefetto di Caserta Giuseppe Castaldo: essi sono ormai esasperati, non quantificabili i danni già apportati al settore.

Il messaggio di Gianni Fabbris al prefetto di Caserta Giuseppe Castaldo

“Ringraziamo il prefetto – afferma Fabbris – per quanto fatto finora e, soprattutto, per aver mostrato concretamente il profilo più adeguato alle istituzioni: quello della capacità di ascoltare i cittadini e di mettere in campo, in applicazione delle migliori procedure istituzionali, quanto è possibile per facilitare le soluzioni. Caratteristiche che dovrebbero essere alla base della qualità umana e politica di chiunque gestisca le istituzioni chiamato ad esercitare responsabilità in tempi in cui la sofferenza delle persone e delle comunità cresce pericolosamente.

Con questo convincimento abbiamo chiesto al prefetto di convocare in Prefettura un incontro per confrontare le proposte di soluzione della crisi aperta nel comparto bufalino in provincia di Caserta invitando il presidente Vincenzo De Luca a partecipare nella sua doppia veste sia di gestore apicale del Governo Regionale sia, soprattutto, di assessore alla Salute, avendone la delega, ed essendo l’assessorato alla Salute il terminale massimo di responsabilità istituzionale nella gestione delle iniziative di contrasto alle zoonosi”.

Proclamato Stato di Agitazione per il 25 settembre

Intanto è stato ufficialmente annunciato uno Stato di Agitazione per il giorno 25 settembre. “Non sarà possibile, durante questa campagna elettorale fare passarelle continuando a fare promesse a vuoto per nascondere le responsabilità. I partiti e i movimenti politici saranno messi di fronte ai fatti nel momento in cui chiedono i voti. Chi si è schierato finora a sostegno delle ragioni degli allevatori sarà richiamato all’impegno per il domani perché sia chiaro che gli impegni che si contraggono si mantengono. A chi ha operato contro sarà chiesto conto del perché già ora in modo che i cittadini sappiano e scelgano conseguentemente.

A chi ha provato a tacere mettendo la testa nella sabbia, sarà ricordato che l’omertà non paga. In particolare sarà interessante sapere da tutte le forze politiche che sostengono la maggioranza che governa la Regione Campania cosa pensano del fatto che il Governo Regionale non ha ancora accolto la proposta di incontro con il movimento democratico degli Allevatori. e cosa stiano facendo o abbiano fatto per garantire l’esercizio della democrazia e della giustizia. Risposte che i cittadini elettori meritano di conoscere e che non mancheremo di porre” dichiara Fabbris.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.