Bologna, Como, Mondragone: tutti i nuovi focolai Covid

https://informareonline.com/wp-content/uploads/2020/06/informareonline-bartolini.jpg

Preoccupano i focolai di covid-19 sparsi in tutta Italia. Ultimo in ordine di tempo è quello esploso alla Bartolini di Bologna dove si registrano 107 casi di positività al Coronavirus su 328 tamponi sottoposti. Tra i contagiati, oltre 79 sono dipendenti, mentre 28 i familiari o conoscenti.

Il focolaio di coronavirus si è sviluppato nei giorni scorsi nel magazzino dell’azienda di spedizioni in zona Roveri per poi diffondersi in alcuni casi ai nuclei familiari o tra i contatti amicali. Dai 328 tamponi sottoposti sono risultati 107 positivi di cui 95 asintomatici (70 tra i dipendenti e 25 tra i familiari e i conoscenti) e 12 sintomatici (9 tra gli operai e 3 tra i familiari/conoscenti). Due i ricoverati in ospedale, gli altri sono in isolamento fiduciario.

I dipendenti positivi al covid-19 restano circoscritti al magazzino nonostante siano stati effettuati tamponi anche in amministrazione e trasporto, pertanto è stata scongiurato l’obbligo di chiusura dell’azienda.

«A questo punto possiamo dire di avere fatto tutti i controlli», ha spiegato il direttore del dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda Usl di Bologna Paolo Pandolfi. «Tutto quello che si doveva fare è stato fatto. Abbiamo preparato una relazione, effettuato un sopralluogo con i Carabinieri. Abbiamo  così appurato che le indicazioni erano state seguite» ha aggiunto. «La società ha eseguito le nostre indicazioni. Verificheremo ancora, ma l’azienda ha fatto quello che doveva: l’ambiente è pronto a continuare a operare. Credo che una considerazione che possa essere fatta potrebbe essere quella di non sospendere e mantenere l’attività come è».

Vista la rilevanza dei focolai nel settore della logistica e dei trasporti a Bologna, la Regione Emilia-Romagna rende noto che intensificherà i controlli. Infatti all’Interporto, maxi polo della logistica alle porte di Bologna è già  stato installato un presidio per la misurazione della temperatura corporea degli operatori e continuano le azioni di sensibilizzazione nelle aziende a non abbassare la guardia sulle misure di precauzione.

Altri focolai in Italia

Il caso della Bartolini di Bologna è solo l’ultimo di una decina di focolai sviluppatosi nel territorio italiano negli ultimi giorni. Attualmente l’indice di contagiosità Rt del virus è al di sopra di 1 in Lazio, Lombardia ed Emilia Romagna con circa una decina le situazioni attenzionate:

  • la città di Mondragone,in provincia di Caserta, dove lunedì mattina è scattata la zona rossa e la quarantena per i 700 residenti dei Palazzi ex Cirio dopo che sono stati scoperti 49 casi positivi tra la comunità bulgara;
  • nel Bolognese, si registrano otto casi in una casa di riposo a San Pietro in Casale;
  • in provincia di Reggio Emilia,a Montecchio, sono 7 le persone positive in due famiglie;
  •  a Bolzano ci sono 11 contagi in un focolaio familiare;
  • mentre a Roma, dopo i focolai scoperti al San Raffaele Pisana, sono emersi altri 4 casi in un altro istituto religioso. Inoltre risultano positivi 8  tra dipendenti e frequentatori di un drive in e due ristoranti sono stati chiusi dopo che il proprietario è risultato infetto;
  • la zona rossa è scattata anche per i quartieri Pietrenere-Tonnara-Scinà di Palmi, in provincia di Reggio Calabria, dove ci sono 8 casi;
  • 7 positivi in una casa d’accoglienza a Como;
  • altri 13 invece in una casa di risposo di Alessandria;
  • Sono in tutto 19 i contagiati nelle provincie di Prato e Pistoia;
  • mentre a Porto Empedocle,in Sicilia, si è verificato un focolaio con 28 migranti positivi portati dalla nave Sea Watch.

D’altra parte però, come hanno sottolineato diversi virologi, nuovi focolai di Covid-19 erano «attesi e inevitabili». L’importante ora è individuare con rapidità i casi e circoscriverli, cosa che si sta provando a fare.

di Maria Rosaria Race

Print Friendly, PDF & Email