Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca all’attacco sull’autonomia differenziata: “Serve burocrazia zero per un paese più dinamico”

Redazione Informare 02/12/2022
Updated 2022/12/02 at 6:00 AM
2 Minuti per la lettura
Vincenzo De Luca, 12 Settembre 2022, ANSA/CESARE ABBATE

È stato un consiglio regionale infuocato quello che si è tenuto ieri pomeriggio e che ha visto i vari esponenti dell’assemblea esprimersi sull’autonomia differenziata. Così il presidente della Regione Vincenzo De Luca non ha fatto mancare la sua posizione sulla recente bozza Calderoli.

De Luca, da sempre contrario a questa ipotesi di legge, ha fornito un’alternativa: “L’autonomia va declinata come burocrazia zero: ad esempio un nuovo rapporto con le Sovrintendenze per prevedere alcun parere sui piani paesaggistici da parte di esse; alleggerire la burocrazia per evitare di bloccare opere territoriali con pareri di livello ministeriale; dinamizzare l’Italia”.

Il presidente della Giunta regionale ha poi esortato: “Definiamo una piattaforma unitaria che impegni tutti quanti noi sull’obiettivo di una sburocratizzazione radicale” da qui la proposta del governatore: “Cerchiamo di acquisire da subito obiettivi estremamente importanti di decentramento e di sburocratizzazione in modo da modernizzare il Paese e le istituzioni. Vi sono decine di ‘pareri’ legati ai ministeri e allo Stato centrale che possono essere o cancellati o rapidamente trasferiti a livello regionale.

“Tantissimi interventi di centralismo assurdo e paralizzante – continua Vincenzo De Luca – possono e devono essere cancellati: Sovrintendenze, piani paesaggistici, portualità, impianti energetici, opera pubbliche di valenza regionale o intercomunale e così via. Su tutte queste materie, senza sconvolgimenti istituzionali, le Regioni possono essere interlocutori unici. Il mondo imprenditoriale, il mondo delle professioni, tanti cittadini, ci domandano decisione rapide, tempi brevi per aprire cantieri e fare opere: è questo che interessa di più. Credo che su questo possiamo fare un ottimo lavoro, e dare risposte efficaci alle nostre comunità e al mondo produttivo”.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *