Automobilista si ferma per far salire una prostituta e blocca traffico: è prevista una multa?

179
multa automobilista sanzione
Pubblicità

Con l’ordinanza n. 4927/2022, la Suprema Corte di Cassazione si pronuncia nuovamente sulle ordinanze sindacali che prevedono sanzioni per l’automobilista che si ferma sulla pubblica via per far salire una prostituta, intralciando il traffico.

Il caso in esame ha inizio quando nell’agosto del 2015, una pattuglia della Polizia locale contesta ad un automobilista la violazione del regolamento Comunale, per aver arrestato la marcia al solo scopo di far salire in auto una prostituta. Contro il verbale di 500 euro, l’automobilista ricorre al Giudice di Pace competente, il quale, disapplica il regolamento comunale ed annulla la multa. A tale decisione si allinea anche il Tribunale in grado di appello. Il Comune ricorre per Cassazione.

Pubblicità

Secondo la Suprema Corte, la sicurezza e la disciplina dell’attività economica, come quella della prostituzione, non sono materie sulle quali il Sindaco può intervenire multando il conducente che si ferma per far salire in auto una prostituta.

Precisano i Giudici, che “l’attività di meretricio non è illecita e, anzi, rientra nelle attività economiche, per cui non può essere vietato l’esercizio se non attraverso una normativa statale (sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europea 20.11.2001 causa C-268/99).

Pertanto, secondo la Corte, ”…non risponde alla finalità di regolamentare la circolazione stradale degli autoveicoli, onde evitare gli intralci alla circolazione mediante l’eventuale imposizione del divieto di fermata degli stessi in una determinata strada o zona (come consentito dagli artt. 6 e 7 del codice della strada), l’ordinanza sindacale con la quale si vieta la fermata dei veicoli su tutto il territorio comunale se effettuata al fine di contrattare prestazioni sessuali a pagamento (Cass. n. 21432 del 2006, cit.)”.

Quindi, nessuna multa può essere elevata al conducente che ferma la propria auto per far salire a bordo una prostituta, con la sola scusa che in tal modo intralcia il traffico.

Pubblicità