Attività venatoria: il Tar accoglie le istanze del Wwf Italia

0
Informareonline-Attività

Alcune avvisaglie di quello che la Regione Campania avesse in mente si erano già avute, il 10.12.2020, quando l’Ufficio Centrale Foreste e Caccia della Regione Campania, attraverso la Dirigente della UOD informava con una nota interna il CTFVR (Comitato Tecnico Faunistico Venatorio Regionale) di aver chiesto all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) il parere sull’estensione dei periodi venabili anche oltre i termini fissati nel calendario venatorio attualmente in vigore per il recupero delle giornate perse a causa dell’emergenza sanitaria generata dal Covid 19.

Immediata la reazione delle maggiori associazioni di protezione che richiamavano la Regione Campania al rispetto delle regole denunciando il totale asservimento di talune parti politiche alla lobby dei cacciatori.

Ottenuto il parere dell’Ispra, il 29.12.2020 la Giunta Regionale della Campania, su richiesta dell’assessore al ramo, approva la modifica del calendario venatorio in vigore prolungando per alcune specie la caccia fino al 31 gennaio 2021.

Il Wwf Italia, intraviste alcune carenze procedimentali, e valutata l’estrema gravità e l’imminente esposizione a pericolo delle specie faunistiche coinvolte oltre i termini naturali fissati nel calendario venatorio originario, ha proceduto a presentare ricorso al TAR il giorno 30.12.2020. Il Tar, accogliendo le istanze del Wwf Italia, ha sospeso l’esecuzione della Delibera della Giunta Regionale che modificava il calendario venatorio attualmente in vigore.

Alla notizia della sospensiva il Vicepresidente del Wwf Italia, avv. Dante Caserta, ha dichiarato: “Questa è la vittoria della legalità e della biodiversità. La Giunta regionale sapeva che stava approvando un atto illegittimo, ma lo ha voluto fare ugualmente per fare un regalo ai cacciatori. Ma grazie ai nostri volontari e al nostro legale, avv. Maurizio Balletta, abbiamo ristabilito la certezza giuridica. Spiace solo vedere degli amministratori regionali che dovrebbero agire nell’interesse di tutti, accogliere sempre più spesso le richieste dei cacciatori.”

“La vittoria della legalità e della biodiversità in Campania non si ferma qui. – dichiara il Delegato Regionale del Wwf Italia arch. Piernazario Antelmi – Nella stessa data il Tar ha rigettato il ricorso proposto dal Movimento Scelta Etica per la Regione Campania che a nome delle maggiori associazioni venatorie nazionali chiedeva alla Regione Campania di riconoscere la Residenza Venatoria in Ambito ATC, ovvero di consentire ai cacciatori la mobilità tra i comuni anche in zona arancione” (mobilità non consentita dalla emergenza sanitaria se non per motivi validi). Il TAR, nelle sue motivazioni di rigetto, dubita della rappresentatività della associazione ritenendo che il ricorso sia processualmente errato e comunque che l’interesse sanitario prevalga, per cui non vi sono i presupposti per ottenere il provvedimento.

Alla soddisfazione del Wwf Italia per il risultato raggiunto e per la vittoria della legalità si unisce la soddisfazione delle altre associazioni ambientaliste, SOS Natura, CAI, LIPU, ENPA CABS, LAC e LIDA che plaudono la vittoria del WWF Italia, che ha sconfitto il pianeta venatorio regionale innanzi al TAR. L’auspicio per il 2021 è che la Regione Campania accolga le istanze delle associazioni di protezione ambientale e che apra un tavolo di confronto reale con tutte le parti, non solo con il mondo venatorio.
Print Friendly, PDF & Email