Artisticamente LILT: l’Arte per la prevenzione

Da qualche anno a questa parte il mese di ottobre si colora di rosa, nel tentativo di sensibilizzare su un tema divenuto fondamentale nel corso degli ultimi anni: la prevenzione del tumore al seno, fra le neoplasie più incidenti sulla popolazione femminile.

Da sempre è stato assiduo il lavoro di divulgazione ad opera degli esponenti del mondo medico e scientifico. Negli ultimi tempi, tuttavia, si è rivelata fondamentale l’attenzione prestata a questo tema da associazioni sportive, culturali e dagli artisti, capaci di sensibilizzare su un tema così sentito e delicato con una potenza espressiva propria soltanto dell’arte.

Anche il Real Sito di Carditello quest’anno si è tinto di rosa. In occasione del mese della prevenzione del tumore al seno sono stati innumerevoli gli eventi organizzati dalla LILT Caserta (Lega italiana per la lotte contro i tumori). Il Percorso in Rosa, con la partecipazione di svariate associazioni sportive del territorio e un workshop, “Tumore al seno oggi: si vince”. Significativa è stata l’inaugurazione della mostra “Artisticamente LILT”, presentata da Laura Ferrante per la direzione artistica di Anna Maria Zoppi. Presenti all’evento il prof. Francesco Schittulli, presidente nazionale della LILT e la dott.ssa Angela Maffeo, presidente della LILT di Caserta.

Artisticamente LILT

Pittori e scultori sensibilmente vicini alle tematiche messe in risalto hanno affascinato gli spettatori ciascuno con la propria peculiare arte, capace di porre l’accento su una particolare visione dell’universo femminile. Gemma Amoroso, Giuseppe Ferraiuolo e Luigi Caserta sono soltanto alcuni degli artisti partecipanti. Fra sculture e dipinti, i visitatori hanno avuto la possibilità di riscoprire e riscoprirsi, al cospetto degli aspetti più curiosi e singolari della figura femminile. Hanno avuto modo di ammirare le rappresentazioni di donne mogli e madri, di donne libere e dei loro sguardi. Di donne rappresentate in ogni minimo particolare e di donne appena accennate da qualche schizzo di colore. Donne ferite e squarciate, private da una malattia subdola e silente del simbolo per antonomasia della propria femminilità. Di donne simbolo della vita che, nonostante le avversità, non smettono mai di combattere.

I dati

Soltanto in Italia, una donna su nove nel corso della propria vita viene colpita dal tumore al seno. Sono dati preoccupanti, ma un po’ meno drammatici alla luce della possibilità di sopravvivenza oggi stimate, incrementate dall’attenzione sempre maggiore oggi riservata alla prevenzione, fondamentale per la diagnosi precoce. Un accorgimento apparentemente insignificante, ma che si spera possa essere sempre più adoperato dalle donne, soprattutto delle fasce d’età più a rischio. Il tumore al seno, oggi, si vince.

di Teresa Coscia

Print Friendly, PDF & Email