Artisti e intellettuali per promuovere l’evento “Il Paese dipinto” del comune bergamasco di Calcio

Informareonline-Dipinto-min
È Natale comunque. Nonostante il Covid, l’anno bisesto, i lockdown intermittenti e interminabili, l’arte e la cultura non si fermano.
Lo testimonia il piccolo ma potente Comune di Calcio (in provincia di Bergamo, che ricordiamo ha dato prova di resilienza e resistenza la scorsa primavera durante l’attacco pesantissimo del virus Corona) con la sua iniziativa sociale, oltre che artistica e culturale, dedicata alla pittura e ai suoi visionari.
A partire dagli anni ’90, Calcio ha voluto promuovere e fissare la propria storia sui muri delle vie e delle piazze del paese. Una storia importante e diversa da quella degli altri paesi confinanti, condizionata sia dalla strategica posizione territoriale che da una autonomia politico-amministrativa protrattasi dal 1380 fino a Napoleone. L’itinerario culturale all’aperto ad oggi allinea sui muri delle vie del paese 47 racconti di artisti diversi ed è parte integrante del patrimonio storico, culturale e sociale.

Il “Paese dipinto” Calcio ha raccolto negli ultimi trent’anni le opere di circa quaranta artisti che hanno dipinto sulle pareti delle case trasformando le vie del paese in una vera e propria galleria a cielo aperto. Giganteschi murales di grande impatto visivo, dipinti che raccontano la storia del paese e mosaici artistici coprono muri in origine malandati o anonimi. Oggi mille colori illuminano Calcio grazie al progetto decorativo “Narrano i muri”, al quale hanno preso parte, dopo una severa selezione, pittori noti e meno noti provenienti da varie parti dell’Italia ed anche numerose Accademie di Belle Arti italiane e straniere.

Ma la vera novità è che numerosi artisti (tra cui musicisti, scrittori e intellettuali italiani e stranieri) hanno prestato la loro voce e il loro volto per valorizzare, in uno spot congiunto, lo sforzo di questo Paese e di questa amministrazione di “non mollare”.
Nemmeno ora, nemmeno in questi mesi che – in prospettiva di possibili attacchi da parte del virus e di potenziali restrizioni – rischiano di “confinare”, di recingere le persone e i comuni senza potersi muovere liberamente (o quanto meno serenamente), Calcio è sola.
E chi si può muovere può andare a vedere di persona questa galleria d’arte a cielo aperto, in queste ore d’aria, oppure prenotarsi per il futuro.
Tra i volti e le voci “testimonial”, riconosciamo Pietruccio Montalbetti (storico della band Dik Dik, oggi impegnato come scrittore e filantropo), Gatto Panceri, Flavio Oreglio, Luca Bonaffini, il rapper Frankie B., il songwriter Mozez, la cantautrice Mari Conti; ma non mancano altre realtà, come i Rossometile (rappresentati da Rosaino Reina), o lo scrittore Mario Bonanno. Arrivano eccellenze della musica come Pietro Nobile, Felice Del Gaudio e Mario Marco Farinato.

Un pronto soccorso artistico che, con l’amore per la propria attività e amicizia nei confronti di Calcio, ci spiega come sia possibile trasformare i muri “da confini… a opere d’arte”.
https://www.comune.calcio.bg.it

Print Friendly, PDF & Email