Aria di primavera e di tendenze stile

0

Marzo, terzo mese dell’anno che introduce l’equinozio di primavera tra una gustosa zeppola di San Giuseppe e il ritorno all’ora legale. In attesa dei primi germogli, della fioritura dei boccioli ma anche di più sole e condizioni metereologiche affabili, vediamo quali sono le tendenze che caratterizzeranno la stagione in arrivo.

Ricorderete tutti Miranda Priestly docet: “Floreale? Per la primavera? Avanguardia pura”, nessuna innovazione in effetti ma l’intelletto di ognuno associa incondizionatamente l’immagine dei fiori alla sua distinta stagione. Piccolo spoiler, non è l’unica caratteristica che va a connotare il guardaroba spring summer di quest’anno. Se potremo uscire allora facciamoci notare! C’è un ritorno al bianco più assoluto, al candore puro di abiti svolazzanti, puliti e lisci per donare luce a sé stessi e a chi ci sta intorno. Restando in tema cromatico, il rosa dominerà l’onda primaverile quanto quella estiva e lo farà in tutte le sue sfumature.

L’uso della polo è confermata, casual solo in apparenza ma in realtà è ben meditata. Reduci da una pandemia che non desta segni di debellazione, ciò che si tramanderà è la presenza di uno stile comfy, ossia comodo. Nulla che stringa troppo  che fasci parti del corpo in modo eccessivo. Qui i pantaloni a zampa o scampanati fanno il loro grande ritorno direttamente dagli anni 70. Se ne avete già un paio nell’armadio ben venga, è l’occasione di riciclare qualche look dall’animo hippy altrimenti non sarà difficile trovarli esposti nei negozi della città o negli shop online. I più sono i modelli stile lounge come quelli di Proenza Schouler. E se la temperatura lo consente perché privarsi della mini che rese celebre Mary Quant, ovviamente si tratta della gonna che può presentare balze, aperture o restare classica.

Impensabile ma d’effetto, la giacca da tuta con la zip indossata separatamente dai rispettivi pantaloni. Va bene restare sportivi ma meglio mixarla ad altri capi più ricercati come pantaloni classic o una midi. È anche il tempo dell’intimo non intimo, con bralette super lavorate e particolari da sfoggiare sotto a camicie o semplicemente sole, abbinate ad un pezzo per la parte bassa del corpo.

Informareonline-Primavera-2Preparatevi, invece, a vedere due schieramenti distinti per la parte superiore: se da un lato ci sarà chi indosserà gilet, giacche e camice smanicate, dall’altro canto ci sarà chi porterà capi con maniche gonfie, morbide o a palloncino. Il bello potrebbe risiedere nel provar ad indossare entrambe le due versioni giusto per non farsi mancar nulla. E se il caldo incombe nessun problema, ci si scopre, ottima scusa per poter sfoggiare la tintarella presa sul terrazzino di casa o direttamente al mare. In tal caso, gli hot pants lasciano intravedere la gamba per intero, quindi non resta che scegliere se averli one color, a fantasia o di jeans. In merito ai tessuti il satin ritorna in carreggiata, voglia di materiali lucidi che ricoprono o costituiscono gonne, shorts o giacche per un effetto leggero e morbido. Anche le paillettes fanno il loro ritorno, sperando il covid dia il lascia passare per occasioni in cui sfoggiarle e, mal che vada, le si indossa in casa per sé stessi.

Dopo tanti capi elencati manca qualcosa, tutto molto bello ma con cosa abbiniamo questi pezzi? Ci arriviamo subito introducendo gli accessori. Must have immancabile è il foulard da tenere in testa, tra i capelli, al braccio o legato alla borsa per quel tocco chic in più che non guasta. Più è ricercata la fantasia e più si farà attenzione alla qualità, raso e seta fanno la propria figura alla vista e soprattutto al tatto. Le borse vanno per la maggiore nei desideri delle donne, in questa stagione più grandi sono e più possono contenere dal portafoglio all’igienizzante. Poi le scarpe rigorosamente flat, basse e comode perché dopo tutti questi mesi in pantofole urge un recap di portamento sui tacchi.

di Chiara Del Prete

Print Friendly, PDF & Email