Antonello Turco: «Il bodybuilding è passione e mentalità»

233

Si tratta di uno sport in netta ascesa e le palestre sono prese da assalto senza distinzione di età e di sesso: il culturismo, più comunemente chiamato “bodybulding”, è un’ attività sportiva, che nello specifico pochi di noi conoscono. Infatti il culturismo non è solo una disciplina praticata per far apparire scultoreo il corpo, ma è sicuramente uno sport che aiuta l’equilibrio mentale ed  il benessere di chi lo pratica.

Nella nostra regione, come nel resto della nazione, sono molto diffuse le strutture dove si pratica questo sport, strutture che offrono l’opportunità di  frequentare diversi corsi (che nell’ambiente sono chiamati “classi”) tra cui aerobica, spinning, zumba e tanti altri.

Abbiamo incontrato un professionista del settore, il bodybuilder Antonello Turco, preparatore atletico e presidente della palestra Gymnasium Art Club di Frignano (CE), nonché fresco di titolo di “Mr. Universo Assoluto IBFA 2019” Categoria H/P. Il concorso si è tenuto a Sapri (SA) dal 6 all’8 Luglio scorso, organizzato  dall’International Body Building & Fitness Association (I.B.F.A. ndr.), dove hanno partecipato atleti provenienti da ogni parte del mondo. Abbiamo colto l’occasione per porre alcune domande ad Antonello e farci aiutare a conoscere questa disciplina.

Antonello, come e quando è nata la passione per il body building?

«Questa passione è nata dopo essermi infortunato il ginocchio giocando a calcio. Militavo in Serie C, e praticavo il calcio al livello professionistico dall’età di 13 anni, passando dalle giovanili del Prato per poi passare al Giulianova e Frosinone ed infine la Casertana. Quando mi è accaduto questo incidente, decisamente traumatico dal punto di visto psico-fisico, vedevo svanire i miei sogni, ed ho deciso di tuffarmi nel mondo del fitness, avendo anche un fisico molto esile, quindi da allora ho continuato in questa disciplina che è poi diventata, oltre che alla mia professione, anche una immensa passione».

Cosa puoi dire e consigliare a chi intende avvicinarsi a questo sport?

«A tutti quelli che vogliono avvicinarsi a questo sport direi sicuramente di non avere fretta a raggiungere i risultati che ognuno si prefigge, in quanto, se c’è impegno e sacrificio, arriveranno da soli. Una cosa importante che voglio sottolineare, è sicuramente che ci si deve affidare a professionisti del settore, che seguono tutti coloro che iniziano, altrimenti oltre a non ottenere soddisfazioni e risultati, si potrebbe anche incappare in infortuni fisici. È importante seguire una corretta alimentazione e perché no, integrare le energie spese in palestra con prodotti naturali e biologici, ripeto e sottolineo, naturali e biologici, che aiuteranno i tempi di recupero».

Antonello, sei sposato e sei papà di una splendida bambina. Riesci a conciliare gli impegni familiari con quelli professionali?

«Sicuramente oggi che sono genitore diventa più impegnativo seguire famiglia e lavoro, ma posso ritenermi fortunato. Sì, veramente fortunato, perché ho affianco a me una persona meravigliosa, mia moglie Alessandra, che oltre ad essere appassionata di questo sport sostiene con me tutti i sacrifici, dagli impegni familiari alla gestione della palestra. È sempre presente ad ogni mia partecipazione ai concorsi, quindi vorrei pubblicamente ringraziare gli amori della mia vita, mia moglie Alessandra e mia figlia Rita».

 

Quando hai deciso di partecipare a concorsi di body building?

«A 18 anni presi la decisione di partecipare al primo concorso di body building, e posso dire, orgoglioso, che non è da tutti. Venendo dal calcio professionistico ed abituato all’agonismo, la mia voglia di sfide e di vincere non è mai passata invano.

Il risultato più importante l’ho conseguito proprio a 18 anni vincendo il campionato italiano ed europeo juniores, fino a consacrare, lo scorso luglio a Sapri (SA), il titolo di Mr. Universo Assoluto IBFA 2019».

Grazie Antonello, e buona fortuna. Abbiamo capito fondamentalmente che la filosofia del Bodybuilding, è quella di giocare pulito, sviluppando la propria forma fisica aumentando la propria massa muscolare in modo naturale. L’obiettivo di questa disciplina è far si che si sviluppino le proprie forme fisiche utilizzando schede di allenamento e giusta alimentazione. In questo sport si deve agire con passione e mentalità, usando il cervello e non solo i muscoli.

di Luigi Di Mauro

Print Friendly, PDF & Email