Al via la IV Edizione del ”Premio Caruso da San Giovanniello a New York”

informareonline-edizione

La manifestazione è giunta alla sua IV Edizione grazie alla partecipazione attiva come ideatore e Direttore artistico del Maestro Armando Jossa. La creativa personalità del Maestro ha inciso molto sulla riuscita dell’evento che ha voluto quest’anno rendere libero per esprimere la forza universale dell’uomo e del bel canto.

Infatti, a differenza delle precedenti edizioni del premio, quest’ultima non ha avuto una sede nella quale si potesse svolgere a causa delle restrizioni e delle misure di prevenzione scaturite per la pandemia ma, ugualmente, ha avuto seguito raggiungendo i premiati liberamente. È stata presentata la nascita del Primo Festival Internazionale di cortometraggi dedicata ad Enrico Caruso che sarà curata da Barbara Empler e Donatella Cotesta. È stata preannunciata l’imminente inaugurazione del museo casa natale di Enrico Caruso, voluta dal Maestro Armando Jossa e Lello Reale, titolare della casa con la collaborazione di Gaetano Bonelli, storico Carusiano.
L’edizione del premio ha voluto riconoscere e premiare le personalità di vari settori artistici che si sono distinte ciascuna nel proprio ambito. L’originalità del premio assegnato ai vincitori si è evinta nelle opere che lo stesso Maestro Armando Jossa ha realizzato, promuovendo la diffusione della sua arte “La Paraideaolia”, che ha condensato in un quadro per dare sostanza alla sua arte che per definizione non esiste, ma che tutti possono vedere. I premiati di questa edizione sono stati: Luigi Ferrone, ètoile del teatro San Carlo che ha lavorato e studiato con i più grandi ballerini e coreografi dei nostri tempi, al quale è stato consegnato il premio da Stelvio Gambardella, pittore e scultore. Il ballerino premiato è stato presente con le sue performance sui media nazionali. Un altro premiato, Giovanni Amura, l’attore che attualmente interpreta nella serie tv “L’Amica Geniale 2” il ruolo del marito di Lila, Stefano Carracci, figlio dell’ex boss del rione Don Achille. Amura ha studiato a Roma presso il Centro Sperimentale di Cinema e l’Accademia nazionale di doppiaggio. La sua bravura di attore e le caratteristiche dei suoi tratti somatici che ricordano il tenore Enrico Caruso gli sono valse l’attribuzione del premio.
In video è stato proiettato, quale testimonianza del suo ringraziamento per il premio ricevuto, il suo messaggio. Ancora, ha meritato l’ambito premio per la carriera il tenore Lucio Lupoli, noto per la sua voce calda e potente. È stato premiato lo scultore e pittore Lello Esposito per i suoi lavori che realizza da oltre trent’anni, che riproducono i simboli dell’immaginario culturale della propria città, Napoli. Sono sue le riproduzioni di Pulcinella, La Maschera, l’Uovo, il Teschio, il Vulcano, San Gennaro ed il Corno, opere note in tutto il mondo. Giorgio Tonti, storico direttore della fotografia ed attore, è stato premiato dal Maestro Armando Jossa, direttore artistico del premio per le numerose sue partecipazioni in diversi film in alcuni dei quali ha collaborato con Orson Welles. La determinata ambizione e dedizione del Maestro Armando Jossa nel voler realizzare l’evento della manifestazione del premio, dedicato a Caruso, nonostante le condizioni restrittive imposte dalla pandemia ancora in atto, hanno ben testimoniato come il primato della forza universale dell’uomo sappia andare oltre le avversità ed il suo canto sostenga la vita.

                                                                                                 di Manuela De Rosa

Print Friendly, PDF & Email