A Milano il Teatro alla Scala cambia look: ecco un restyling più ecosostenibile

36
a-milano-il-teatro-alla-scala-cambia-look-ecco-un-restyling-piu-ecosostenibile
Pubblicità

La Scala di Milano approfitta della pausa estiva per effettuare una serie di lavori di restyling interno che serviranno a migliorare l’acustica e l’efficientamento energetico del famoso teatro meneghino.

Per cominciare, dai palchi viene tolta la tappezzeria che sarà sostituita con una in grado di migliorare l’acustica della sala.

Pubblicità

È stato intanto calato ieri mattina l’imponente lampadario a gocce al centro della platea per la pulizia che viene fatta una volta l’anno. Quest’anno le 383 lampadine del lampadario, copia di quello ottocentesco andato distrutto durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale, verranno sostituite con altre a basso consumo energetico per risparmiare energia. Non una rivoluzione ma una continuazione della collaborazione con Edison iniziata cento anni fa.

Per quanto riguarda la pulitura delle facciate esterne, invece,il Comune è in attesa della valutazione della Sovrintendenza presieduta da Dominique Meyer, il quale punta a dimezzare le emissioni di CO2 e a contenere in maniera duratura i costi delle bollette.

L’ipotesi è quella di iniziare in autunno con i lavori in via Filodrammatici e largo Ghiringhelli, che dovrebbero durare tra due e tre mesi e proseguire su via Verdi. Solo nella primavera 2023 si potrebbe passare alla pulitura della facciata del Piermarini, che richiederebbe sei mesi e quindi proseguirebbe durante l’estate a teatro chiuso.

Infine, per arricchire il catalogo digitale, il Teatro alla Scala ha installato da mesi ben nove telecamere al fine di registrare gli spettacoli messi in scena. Il pubblico, infatti, potrà abbonarsi per vedere in tv o al pc gli spettacoli da casa in diretta oppure ‘on demand’.

La tariffa varierà tra i e i 10 euro a seconda dell’esibizione (opera, concerto, balletto) e del formato (standard, 4k, hd, full hd). Le scuole e le associazioni culturali avranno diritto a pacchetti gratuiti con contenuti speciali relativi allo spettacolo, interviste e cenni storici relativi al teatro lirico.

Inoltre, sarà disponibile una nuova biglietteria elettronica per eliminare progressivamente la carta, mentre la nuova organizzazione interna del personale eliminerà la direzione generale.

Pubblicità