Bacoli, apre la prima università sul mare

A Bacoli la Federico II apre una sede nella villa sequestrata alla Camorra

Cristina Siciliano 28/10/2022
Updated 2022/10/28 at 4:13 PM
2 Minuti per la lettura

Nella giornata del 27 ottobre 2022 è stata inaugurata a Bacoli la prima sul mare. Una data storica per l’intero territorio che ha visto la dimora, confiscata alla camorra, diventare uno dei centri principali del sapere e della cultura.

Bacoli, apre la prima Università sul mare

Il centro federiciano si occuperà di archeologia del mare e digital humanities. L’attività sarà declinata in tantissime forme: dagli studi ai corsi alle ricerche ai workshop ai seminari alle manifestazioni. Inoltre, sarà anche un centro congressuale. E lo sarà per almeno i prossimi venti anni, in base all’accordo sottoscritto a giugno scorso dal rettore Matteo Lorito e d Josi Della Ragione, sindaco del Comune in cui ha sede la Villa.

Gli spazi dell’affascinante università ospiteranno progetti a fortissima vocazione interdisciplinare: dalla valorizzazione dell’ecosistema dell’umanista digitale. Sarà utilizzato il digitale in diversi ambiti del patrimonio culturale materiale e immateriale.

La cerimonia dell’inaugurazione dell’università di Bacoli

La giornata del 27 ottobre è stata aperta dai saluti di Matteo Lorito, Rettore dell’Ateneo federiciano, Gaetano Manfredi, Fabio Pagano, Direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei e Josi Gerardo della Ragione.

Sono seguiti poi gli interventi di Gennaro Ferrante, Andrea Mazzucchi, Carmela Capaldi e Marco Pacciarelli, docenti del dipartimento degli Studi Umanistici dell’Università dell’Ateneo federiciano. In platea, anche Antonio Sabino sindaco di Quarto, Mauro Striano e Pier Paolo Baretta e tutte le massime cariche civili, religiose e militari.

Il riscatto di Villa Ferretti

Villa Ferretti è l’emblema del riscatto sociale. Sottratta alla malavita organizzata ben 25 anni fa, è oggi un luogo fruibile alla popolazione e palcoscenico di numerose manifestazioni culturali e spettacoli di vario tipo.  Ai piedi del Castello Aragonese di Baia, la residenza di fine ‘800, fu costruita da una famiglia di armatori Genovesi, che decise di erigere nella zona di Bacoli la propria residenza estiva. La villa presenta inoltre, un ampio parco e una spiaggetta privata, da cui si può osservare un panorama mozzafiato. 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *