Rubrica di poesia: “Anima bianca” di Alessandro Piscopo

Inizia da oggi una nuova rubrica online, rivolta alla poesia. Ne pubblicheremo una ogni sabato. Iniziamo con questi versi, che colpiscono anima e cuore. Scritta da un giovanissimo quanto talentuoso ragazzo napoletano, e rigorosamente in napoletano.

 

Anima bianca

Mammà je nun so muort’, so’ sulo partut’

e chi te dice ca so’ muort’, nun l’ ‘e pensà

perchè pure si sto luntano, je continuo a campà.

Continuo a campà rind’ ‘e ricuord’ tuoje

e dda gent ca m’ha vulut bene ‘ngopp ‘o munn’

Mammà je nun so muort, me ne song sulo jut,

e nun sai ccà ngopp quanta ggente aggio conosciuto,

gente allera, ca ‘e chillu munn’ ha fatto ‘a storia, ha dato ammore.

Nun te disperà, ‘o sacc

me ne so jut senza ‘e te salutà

ma nun è colpa mia, m’ha chiammato Ddjo

E’ over… forse m’ha chiammato troppo ambress’

quanno ddo ‘o munn ancora nun cunuscevo nient’

accussì chella sera, me ne jett’ comm’ ‘na foglia a ‘o vient’.

Mammà je sto bbuono ccà

ogni juorno è festa

‘o ssaje te veco tutt’ ‘e juorne

quanno t’affacci da chella fenestra

aiz ‘a capa ‘nciel e vir chella stella

e po’ me dici ca song l’angelo cchiù bell’.

Tutte ‘e nott’ prij pe’ me…Mammà bast’

song je ca prego pe’ tte, voglio ca nun chiagn cchiù

perchè stong bbuon’ overament’

tu ‘e pensa ca ccà ‘ngopp nun esistono fetient’.

Perciò nun te preoccupà, tanto ce verimm ccà

però mo sul’ ‘na cosa ‘e ffà

Mammà, ‘e turnà a campà !

 di Alessandro Piscopo

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno.
Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli.
Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II.
Entra nell’associazione “Officina Volturno” nell’agosto 2013.
Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, “Leggi che ti passa”.

“Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall’interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita”