Da divulgazione scientifica a start-up

Tecniche, strategie e curiosità espresse sotto forma di divulgazione scientifica, comunicazione e intrattenimento: è questo il concept di Psicologia Applicata, la prima pagina Facebook di psicologia dʼItalia, seguita da circa un milione e mezzo di utenti e amministrata da uno studente della Federico II di Napoli.

LA NASCITA

Declinata in tutte le sue forme, la Psicologia vive nella passione di Carlo Balestriere che ha dato vita a una realtà social per un progetto di ricerca tesi, diventato dopo pochi mesi non solo un riferimento culturale digitale ma anche una vera e propria start-up.

LA CRESCITA

Fondata il primo Novembre del 2016, ad oggi la pagina vanta poco più di un milione e quattrocentomila seguaci, registrando quotidianamente una crescita esponenziale. Nove mesi di lavoro incessante e continuo che hanno fruttato grandi numeri ed altrettanti risultati, suscitando addirittura l’interesse  Facebook nei confronti di questa realtà social che gode di grande visibilità e credibilità per i suoi contenuti, tra divulgazione scientifica e intrattenimento.

L’ADMIN

Studente di Psicologia, Carlo nasce con la passione per la comunicazione politica, partecipando da attivista alle comunali di Napoli per il movimento DeMa. «Mi è sempre piaciuto capire cosa si nasconde dietro quei processi di persuasione – afferma Carlo – che vengono utilizzati in politica e dalle imprese nella quotidianità. Io mi occupo di comunicazione e marketing, e di Psicologia Applicata, nata nel novembre del 2016, ne sono il fondatore e l’admin. Tuttavia, il mio lavoro concerne l’aspetto comunicativo della pagina in quanto i contenuti vengono elaborati insieme a quattro psicologi, partecipi di questo progetto».

5_Photo-Credit-Gabriele-Arenare-Psicologia-Applicata-Carlo-Informareonline
Carlo Balestriere nella redazione di Informare – Foto di Gabriele Arenare

IL TEAM

Ci sono 4 persone fisse che lavorano con Balestriere, specialisti che sono parte attiva ed integrante di Psicologia Applicata. Precisamente, due psicologi clinici, uno psicologo del lavoro ed una neuropsicologa, i quali propongono una serie di contenuti che vengono pubblicati sulla pagina e, cosa più importante, fanno attività di supporto agli utenti che chiedono aiuto, consigli o consulenze. In tal senso, ci spiega Balestriere, «quando qualcuno esprime una richiesta di aiuto questa viene accolta da uno degli psicologi che, in caso di necessità, ricercano dei centri specializzati e pubblici ai quali l’utente si può rivolgere. Diversamente, se non esistono, vengono ricercati professionisti privati e convenzionati».

L’imprenditore digitale Marco Montemagno cita Carlo Balestriere e la pagina Psicologia Applicata in uno dei suoi video

GLI OBIETTIVI

Sono due gli obiettivi principali di Psicologia Applicata. «In primis – ci dice Carlo – è quello di diventare il più grande media di psicologia in Italia e, secondo, crescere come start up. Ci occupiamo quindi di divulgazione ma indirizziamo anche i cittadini su tutto il suolo italiano a psicologi competenti e vicini alla loro zona. Questo è quello che non traspare dalla pagina, la quale potrebbe essere considerata solamente come uno strumento di informazione e intrattenimento. Psicologia Applicata – continua – vuole diventare un media in cui psicologi certificati, accademici, ricercatori, professori, possano rivolgersi ad un pubblico che per ora è rappresentato da circa 10 mln a settimana. Siamo in fase di sperimentazione, stiamo validando il modello e testando chi interagisce. Quando avremo un database di psicologi partecipi in questo progetto lo comunicheremo ufficialmente. E ci potrebbero essere importanti novità per il prossimo ottobre».

di Fabio Corsaro

corsarofabio@gmail.com

Foto di Gabriele Arenare

Print Friendly, PDF & Email