30 giugno, Giornata mondiale degli asteroidi: perché si celebra oggi

58
Pubblicità

Oggi, 30 giugno, si celebra il Asteroid Day, evento internazionale lanciato nel 2015 con l’intento di avviare una campagna informativa globale, consentendo alle persone di tutto il pianeta di scoprire il mondo degli asteroidi e ciò che noi possiamo fare per proteggerci da possibili impatti futuri.

“Scopriamo centinaia di nuovi asteroidi ogni mese, ma i più pericolosi sono quelli che non abbiamo ancora scoperto”, dice all’ANSA Luca Conversi, responsabile del Neocc, il Centro di coordinamento per le osservazioni degli asteroidi vicini alla Terra, i cosiddetti Neo (Near Earth Object) dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), presso l’Esrin a Frascati. “Degli asteroidi che conosciamo, possiamo stimare le caratteristiche e l’eventuale rischio di collisione, ma gli altri, finché restano sconosciuti, rappresentano una minaccia”, osserva l’esperto.

Pubblicità

Per questo la sorveglianza di questi sassi cosmici è fondamentale, come sottolineano i numerosi eventi in programma in tutto il mondo, dal Giappone all’India, dall’Egitto alla Lettonia, fino all’Argentina e agli Stati Uniti.

Un tema questo da sempre di grande richiamo presso il pubblico, spesso confuso da trattazioni poco ortodosse dell’argomento. Successivamente al lancio del progetto, istituzioni, personalità e scienziati si sono uniti in questa missione, dando vita a questo evento ricorrente, che si celebra ogni 30 giugno, anniversario dell’impatto di Tunguska (30 giugno 1908), il più importante della storia recente.

Tra i fondatori dell’Asteroid Day figura Brian May, celeberrimo chitarrista dei Queen e, cosa non nota a tutti, laureato in astrofisica. Nel 2015, anno della prima edizione di questo evento, è stato poi presentato il film “51 Degrees North”, diretto da Grigorij Richters (anch’egli tra i fondatori dell’Asteroid Day).

Pubblicità