Wwf Caserta

– Spaziodonna: Progetto Asso.Vo.ce, escursione presso la Cipresseta di Fontegreca.

Sabato 25 giugno le Associazioni Spazio Donna, Vega e Wwf Caserta, nell’ambito del progetto Asso.Vo.Ce  “Bandi di Idee 2010” e in occasione dell’ Anno Internazionale delle  Foreste, hanno organizzato un’escursione presso la Cipresseta di Fontegreca. L’iniziativa, è stata pianificata grazie alla disponibilità della Dirigente del Settore Tecnico Amministrativo Foreste di Caserta Flora Della Valle e del funzionario del Settore Tecnico Amministrativo Foreste Agnese Rinaldi. Il gruppo di partecipanti, a numero chiuso (circa 50), si avvarrà della competenza dell’architetto Alessandro Furno del CAI che guiderà gli escursionisti nell’affascinante località di Fontegreca,  che per le sue caratteristiche rappresenta una delle cipressete di maggiore interesse del bacino del Mediterraneo ed è meta di ricercatori botanici per la sua rarità.

Va detto che la cipresseta di Fontegreca è un bosco spontaneo unico in Europa, si estende al di sopra della cittadina nel bosco degli Zappini fino alla vallata del fiume Sava, ed è meta di turisti, per la sua aria salubre, e di ricercatori botanici, per la rarità del tipo di cipresso, unico in Europa e nel mondo. La vide nel ‘600, e ne annotò la particolarità nelle sue “Memorie del Sannio”, il dotto Ciarlanti, e se ne occupò anche la toscana Accademia dei Georgofili.

La cipresseta è costeggiata dalla via Madonna dei Cipressi che sale fino alla zona storicamente più importante del paese, verso la Chiesa di S.Maria dei Cipressi, del cimitero storico, della grotta della Madonna e dei resti di una rocca posta su uno sperone roccioso alle spalle della chiesa. Presso la Madonna dei cipressi è piacevole far colazione e visitare un mulino ad acqua mosso dal Lete che                      risorge poco più a monte dal corso sotterraneo.

Carta d’identità. Nome: Cipresseta di Fontegreca; Ubicazione: Comune di Fontegreca(CE); Superficie totale: 70 ha Escursione altimetrica: 400m.slm;Specie arboree e arbustive: Cupressus sempervirens L.var. horizontalis, carpino bianco, roverella; Specie animali: ghiandaia, barbagianni, poiana, falco,volpi, donnole, faine, ricci, trote, gamberi di fiume; Infrastrutture: Aree pic-nic attrezzate.Fontegreca, alle pendici occidentali del Matese campano nella provincia di Caserta, nasce intorno all’anno mille grazie ai pastori di Gallo e Letino che d’inverno si servivano dei pascoli di fondo valle per le loro greggi. Sul suo territorio insiste la Cipresseta, che si estende, per circa 70 ha, tra il Bosco dei Zappini e la vallata del fiume Sava. La formazione forestale è assolutamente atipica, caratterizzata per il 90% da un ecotipo di cipresso della varietà horizontalis, tra i pochi resistere a una malattia, il cancro della corteccia, che ha messo a rischio la sopravvivenza di questi alberi. Il Bosco degli Zappini, a destra del Sava che in quel tratto attraversa una gola di natura calcarea dai ripidi profili, si presenta come ceduo misto di carpino bianco e roverella. Si afferma a quota 400 il cipresso, esteso verso valle fino a trasformare l’area in una cipresseta pura. La sua rapida diffusione a scapito del preesistente ceduo di cerro, leccio e orniello determina l’esclusiva peculiarità di questa foresta che si presenta notevole anche sotto il profilo faunistico per la presenza di famiglie di rapaci e mammiferi. Il sito non rientra nel demanio regionale ma in quello comunale di Fontegreca.

Comunicazione WWF Caserta  Maria Beatrice Crisci

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.