Volturno Multiutility: conclusa la formale pubblicizzazione

images (1) imagesCastel Volturno

Pubblicizzazione della Volturno Multiutility. Ieri sera si è concluso l’iter per la totale pubblicizzazione della società Volturno Multiutility SpA. Da oggi pertanto la società ha come socio unico il Comune di Castel Volturno. Numerosi e complessi sono ancora gli aspetti procedurali, normativi e amministrativi da completare, i quali richiederanno un enorme impegno sia da parte dell’Amministrazione Comunale che della stessa società tramite i suoi legali rappresentati. “Pur avendo confermato la piena fiducia agli attuali Organi Amministrativi e di Controllo, ho ritenuto necessario – ha dichiarato il Sindaco, Dott. Dimitri Russo – rimandare la nomina dei nuovi consiglieri e dei sindaci, in sostituzione dei dimissionari, alla conclusione di tutti i passaggi successivi all’atto formale di pubblicizzazione. Ringrazio l’Ing. Angelo Morlando per la professionalità e l’abnegazione di questi mesi: la Multiutility è diventata una società pubblica moderna ed efficiente”. “A partire dalla prossima settimana – ha dichiarato inoltre l’Assessore Paola Coen Salmon, delegata alle Società partecipate e al Ciclo delle Acque – sono in programma una serie di incontri per affrontare e risolvere tutte le tematiche necessarie a definire con estrema chiarezza il futuro e il sano funzionamento dell’azienda. Da oggi la Volturno Multiutility è un bene comune: appartiene a tutti i cittadini di Castel Volturno“.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.