Quando un sogno diventa realtà

Una famosa pubblicità recita “Immagina…Puoi”

Per noi componenti della K.T.C. San Cipriano Volley due anni fà fu l’inizio di una scommessa da vincere, di un progetto da portare avanti, con mille sacrifici e far arrivare le nostre giovanissime ragazze a partecipare al Campionato Under 14 Femminile FIPAV della Provincia di Caserta che inizierà il 10 novembre p.v. con la prima partita che ci vedrà impegnati in Piedimonte Matese.

Tutto ha avuto inizio con la mia partecipazione al Corso di Ufficiale di Gara Provinciale FIPAV, a seguire Antonio Capasso, fratello del Maestro di Karate Nicola Capasso, unitamente al suo amico Enrico Martinelli hanno conseguito il tesserino di Allenatori di 1° livello e oggi un’altra componente della nostra Polisportiva, Antonella Abate già preparatrice del Mini Volley, sta conseguendo il tesserino da Ufficiale di Gara Provinciale FIPAV.

Sono stati due anni di sacrifici, in modo particolare va ammirato il lavoro straordinario fatto da Antonio Capasso, il quale con tanta voglia di riuscire e testardaggine ha portato avanti una sua idea, spalleggiato e aiutato dal fratello Nicola e con i buoni consigli trasmessi dal sottoscritto.

E’ iniziato tutto facendo dei tornei estivi tra amici dell’Agro Aversano, di tutte le età, ragazzi e ragazze e qualche seminarista della Diocesi di Aversa. La voglia di fare qualcosa di serie ha preso il sopravvento su tutti noi, abbiamo buttato giù qualche idea e con la perseveranza e la voglia di fare, ci siamo riusciti. Tanto da portare nella bellissima struttura della Polisportiva Capasso una campionessa slovena di pallavolo che gioca a Caserta.

La sua presenza ha dato quel più alle nostre giovanissime atlete. L’anno scorso le ragazze di questo stupendo gruppo venivano, facevano gli allenamenti e via, ora la sera non smetterebbero mai, vogliose di crescere e andare avanti.

Le nostre ragazze sono e rappresentano l’orgoglio e la voglia di riscatto di un territorio purtroppo martoriato da violenze criminali e mala politica gestionale, che ci ha fatto sempre apparire come quelli della “Terra dei Fuochi” e invece no.

Noi tutti possiamo e vogliamo diventare una Terra di Promesse, vere, reali.

In bocca al lupo ragazze.

di Antonino Calopresti