IL VINO, SPECIALMENTE IN ITALIA, E’ LA POESIA DELLA TERRA.

L’Italia è un Paese meraviglioso, una eccellenza imprenditoriale è rappresentata da un Made in Italy che con competenza e coraggio si affaccia sui mercati internazionali.

La Cantina Dorgali, da oltre 60 anni, è tra le realtà più importanti del mondo vitivinicolo sardo. Posta al centro della zona Classica del Cannonau produce vini che valorizzano la cultura, la storia e le tradizioni di questo territorio. La particolare vocazione del territorio, la composizione dei suoli, il clima favorevole, la competenza dei suoi vignaioli, hanno portato la fama di Dorgali e della sua Cantina oltre i confini locali.

Questo percorso nasce, nell’ormai lontano 1953, quando alcuni piccoli viticoltori dorgalesi si uniscono per dar vita alla Cantina Sociale di Dorgali. Una lunga e partecipata serie di incontri tra la popolazione ha consentito la nascita della Cantina come elemento aggregante: tutte le famiglie di Dorgali possiedono vigneti che fanno parte della Cantina Sociale. Dagli iniziali pochi soci, attualmente ci sono circa 220 produttori provenienti anche da zone circostanti l’area di Dorgali. Tutti insieme, ancora come una volta, coltivano circa 650 ettari di vigneto.

Grazie a questo straordinario e faticoso lavoro la Cantina Dorgali produce ottimi vini, il Cannonau in particolare trova qui la sua massima espressione. La sua alta qualità è testimoniata dai numerosi premi che gli vengono attribuiti ogni anno in ambito nazionale ed internazionale. La Cantina Sociale Dorgali rappresenta l’espressione moderna di una tradizione millenaria.

L’alta qualità dei suoi vini, la tradizione e il territorio di provenienza fanno dei vini di Dorgali un elemento unico nel panorama dei vini Cannonau di Sardegna.

La Cantina Dorgali dopo aver fatto la storia per alcune tipologie di vino in Sardegna, con il suo “Filine” ha allargato la sua presenza sul mercato nazionale, ha ritenuto indispensabile allargare la propria presenza andando a cercare spazi in quei mercati già maturi dove ancora non si conoscevano i vini sardi, Vermentino e Cannonau in particolare.

La Cantina sociale di Dorgali (Nuoro) ha ricevuto al Vinitaly di Verona “La Medaglia di Cangrande” come “Benemerito della Vitivinicoltura italiana 2016”, riconoscimento istituito nel 1973 e assegnato ogni anno a chi si distingue nella propria regione “per essere riusciti a promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola”.

La Cantina Dorgali lavora in media fra i 25mila e i 30mila quintali d’uva l’anno, al 90% Cannonau e ha un fatturato attorno ai 4,7 milioni di euro. Gran parte della produzione viene venduta attraverso la grande distribuzione, per il 70% in Sardegna, il resto tra la penisola (25%) e l’estero (5%). I vini della Cantina di Dorgali, presieduta da Lino Fancello, vengono esportati in 12 Paesi, fra cui Usa, Canada, Giappone, Cina, Germania, Belgio, Olanda e Svizzera.

Il giusto riconoscimento come Benemerito della Vitivinicoltura italiana 2016 del Vinitaly è per una cantina che, pochi mesi fa, grazie ai suoi vini ha ricevuto due medaglie d’oro e una d’argento nel Grenache du Monde di Saragozza, la massima manifestazione mondiale dei vini Cannonau.

di Antonino Calopresti

calopresti.antonino@libero.it