Vibo Valentia, al via il Festival Leggere&Scrivere 2017

Festival Leggere&Scrivere a Vibo Valentia (Calabria)

Vibo Valentia, da lunedì 9 Ottobre a sabato 14 Ottobre 2017 si svolgerà la sei giorni culturale che animerà l’autunno e i luoghi della provincia calabrese

Non solo palazzo Gagliardi, cuore pulsante della kermesse letteraria promossa dal Sistema Bibliotecario Vibonese, ma anche tante location della città tirrenica ospiteranno una serie di eventi esclusivi in una passeggiata ideale fra letteratura, arte e musica. Un percorso a più tappe, ricco di suggestioni che regalerà nuova vita a sedi istituzionali, scuole e luoghi simbolo della città.

Si giunge così alla sesta edizione il Festival Leggere&Scrivere, che rappresenta un gran risultato. Ci si aspetta che sia una vera festa della cultura per la città e la Calabria, e che possa rispecchiarsi positivamente anche nel resto d’Italia.

Vibo ha necessità di rinascere culturalmente come era riuscita a fare nell’ultimo decennio dell’Ottocento e fino alla prima guerra mondiale. Allora era un città con una precisa fisionomia, che riusciva a modulare la vita economica, sociale e culturale di un vasto territorio. Aveva grandi famiglie, grandi professionisti, il Liceo Ginnasio che forniva una formazione elevatissima. Vi erano a Vibo, allora Monteleone, case editrici, importanti giornali, intellettuali, artisti e ricercatori di grande valore. Nasceva in quel tempo la grande tradizione di studi folklorici che è sopravvissuta fino ad ora nelle figure di Luigi M. Lombardi Satriani e Vito Teti.

Tante altre persone collaborano con le attività del Sistema Bibliotecario e della sua biblioteca, affinchè la città rimanga a galla, evitando di precipitare in una dimensione di paese. Una battaglia la combatte l’attuale sindaco Elio Costa che con la sua personalità e la sua storia rappresenta un argine a derive sociali pericolose, e molti dirigenti scolastici che svolgono il loro ruolo con grande consapevolezza etica, molte associazioni e rappresentanze sociali, politiche ed economiche, certamente moltissime persone variamente impegnate e istituzioni e articolazione dello stato.
Uno dei due direttori artistici della kermesse, Gilberto Floriani si augura che il Festival, che aprirà la sua attività domani con la presenza del Presidente del Senato Piero Grasso, che presenterà il suo libro “Storia di sangue, amici e fantasmi “ edito da Feltrinelli, con la sua larga partecipazione, possa essere vissuto come un momento culturale e sociale di sintesi e di speranza, capace di dare ai cittadini e alla città un momento di orgoglio e la forza e il coraggio per affrontare il futuro. Si conferma così la validità della rassegna, oggi punto di riferimento per la Calabria laboriosa e colta, con l’obiettivo di consegnare al territorio un grande evento legato alla parola scritta e aperto a ogni tipo di pubblico.

Tra i tanti appuntamenti, si segnala la presentazione del saggio La jihad delle donne della giornalista Rai Luciana Capretti, l’intervista al Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e lo spettacolo serale dello scrittore Gian Antonio Stella.

Seguiranno per tutta la settimana un serie d’eventi: reading, lectio magistralis, concerti, discussioni e confronti. Ecco, dunque, le sezioni:

  • Una regione per leggere, dedicata soprattutto alle nuove generazioni di calabresi che devono essere conquistate dal piacere della lettura;
  • Calabria Fabbrica di Cultura ossia il ritratto di una regione che respinge la marginalità e si apre al mondo;
  • Nutri-Menti che illustra il rapporto tra cibo e cultura;
  • Carta Canta dedicata alle contaminazioni tra parola e musica.
  • E ancora le letture ad alta voce, la presentazione di libri per bambini e ragazzi, i laboratori per bambini, le attività formative per gli insegnati all’interno della sezione Leggere&Scrivere Junior.

di Antonino Calopresti