Il Vesuvio, i Balordi ed i Terroni (Uniti)

Vesuvio

Il Vesuvio è un gigante grande grande che non farà mai male a Napoli e ai napoletani ed oggi svolge una funzione importante aiuta gli stupidi a presentarsi. Ogni volta che sentirete cantare o gridare “Vesuvio lavali con il fuoco” ecco li avrete riconosciuti e non ci sarà torto a dire “Chist’è nu scemo!” o, in alternativa se è una moltitudine di persone, “Chiste song na banda ‘e scieme!”.

Ed è risaputo che gli scemi sono tonti, stupidi, sciocchi ecco… balordi direbbero a Milano. Anzi è Napoli ed i napoletani che soffrono e si indignano quando altri balordi o, forse, sempre gli stessi appiccano i roghi che devastano il territorio campano ed italiano.

‘O Vesuvio (conosciuta anche con il titolo ‘O Gigante Da Muntagna) è una canzone della tradizione classica composta da Gigli e dal grande Modugno presentata al XV Festival della canzone napoletana del 1967. In quella manifestazione i brani avevano i doppi interpreti. La canzone fu cantata dall’autore e dal maestro Sergio Bruni (Bruni, la voce di Napoli) arrivando al secondo posto a pari merito con ‘A Prutesta (in quegli anni si protestava anche nella canzone napoletana) con la coppia  Nino Taranto e Gloria Christian.

La canzone vincitrice di quell’anno, un solo voto in più 28 rispetto ai 27 del secondo posto, fu ‘O Matusa sempre di Taranto con il gruppo milanese “I Balordi” in cui esordiva Marco Ferradini (quello di “prendi una donna trattala male….”). Questo gruppo sperimentava in anticipo il rock demenziale degli anni settanta con un linguaggio comico e surreale, avevano uno stile dissacrante ed, in modo analogo a Renato Zero, si esibivano in abiti femminili. Contestatori beat: “Puort ‘a bbarba sempe rasa. Che matusa! I capille curte curte. Che vergogna! Quanno vedi il capellone provi un po’ di sensazione eppoi sentite l’ultima chist’ata novità: tutt’e matine vai a faticà.” e poi il ritornello che è molto semplice e familiare “Ma tu, ma tu, matusa, ma tu, ma tu che vuo’? Ma tu, ma tu, matusa, matusa, no, nun so”. Possiamo dire una canzuncella che sarebbe passata inosservata se il periodo (è il 68 della contestazione giovanile) e la trovata (milanesi beat che cantano una classica macchietta napoletana).

La canzone ‘O Vesuvio è ben altro. Trattava con rispetto il vulcano, un gigante buono, che piange e si rassegna a campicchiare (e mmo’ viv’appena) per rispettare la vita mentre prima facev’ammore con i napoletani con ardenti colate laviche di passione. Pur essendo un “vulcano esplosivo” – indice della sua grande emozione nel guardare il sole ed il golfo – nel corso dei millenni ha cominciato a comprendere e volere bene i napoletani ed i campani dando segnali di avvertimento quando si comincia “ad accendere di rabbia”. Effettivamente nel 79 aveva esagerato con Pompei ed Ercolano. E’ dall’ultima eruzione del 1944 che non si arraggia cchiù . Lo fa l’uomo. La furia di quando l’uomo mortifica l’uomo (vedi gli stupidi che lo incitano a vanvera) e di quando l’uomo mortifica la terra stessa (incendi, roghi, inquinamento falde). Si usano metafore attingendo dai mondi del glottoteta Tolkien – Terra dei fuochi – o un termine nuovo – Biocidio – che a me non piace perché sposta l’attenzione come “femminicidio”. Un omicidio è un omicidio.

Ciro Gaudino, camorrista pentito, qualche mese fa ha raccontato che in un processo: “al momento del mio arresto ho fatto fare anche ritrovamenti di rifiuti tossici interrati, quelli della camorra” nel Parco nazionale del Vesuvio, mentre nel 2016 vi è stato un sequestro di una cava nell’ercolanese dalla quale sono saltati fuori 400mila metri cubi di rifiuti tossici e pericolosi.

“Pe’ stu gigante da’ muntagna, mo Napule chiagne, mo Napule chiagne” recita il testo. Da qui la scelta dei “Terroni Uniti” di rivisitare con un nuovo arrangiamento ed un integrazione di testo rap (Oyoshe e PeppOh) il brano di Modugno e Bruni (la voce di Napoli) per testimoniare il dolore e l’indignazione degli incendi dolosi, ‘a raggia (la rabbia) e ‘a freva (la febbre) contro i balordi dei roghi.

Il Vesuvio un gigante talmente buono che nel 1967 fece vincere il Festival di Napoli ai milanesi per cortesia di ospitalità.

‘O GIGANTE

Chi e’ ca’ chiagne?
Chi e’ ca’ sta chiagnenno
‘Ncopp’a muntagna?
Pare ‘na voci’antica
Ca’ se’ lagna
Chi e’? ca’ chiagne?
E’ ‘o’o gigante da’ muntagna
Ma comme se’ lagna
Ma comme se’ lagna
Ma comme se’ lagna
Tenev’o fuoco
Dint’e vvene
E mmo’ viv’appena
E mmo’ viv’appena
E mmo’ viv’appena
Tenev’e capille
Ca’ tuccavan’o sole
Cu’ napule tutta
Faceva ll’ammore
Teneva ‘na forza
Ca’ si’ s’arraggiava
‘A ggente tremmava
Tremmav’e paura
Pe’ ‘stu gigante da’ muntagna
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne

E scenne do’ cielo
‘Na nuvola rosa
So’ pigli, int’e braccia
E mentre so’ vase
Se sent’a luntano
‘Na mandulinata
E’ napule tutta
Ca’ ven’a canta’
Ah, ah, ah
Pe’ ‘stu gigante
Da’ muntagna
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
O’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
O’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne
Mo’ napule chiagne, ah!

 

 

LE VOSTRE FIAMME SI SPENGONO. LE NOSTRE FANNO LUCE SEMPRE. #STOPBIOCIDIO!

di Vincenzo Russo Traetto

Tratto da Informare n° 174 Ottobre 2017