Venerdi 28 Febbraio alla Fondazione Valenzi l’incontro “Come negare il negazionismo? Le idee si combattono solo con le idee?”

fondazione_valenziDalle 10 al Maschio Angioino un dibattito tra politica e diritto sul disegno di legge antinegazionista in discussione al Parlamento e il contrasto alle forme contemporanee di discriminazione sociale

Combattere le forme attuali di discriminazione sociale attraverso il contrasto alle ideologie negazioniste della Shoah e di ogni altro tipo di odio razziale. Questi sono alcuni dei temi al centro dell’incontro “Come negare il negazionismo? Le idee si combattono solo con le idee?” promosso dalla Fondazione Valenzi, l’istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983, in programma venerdi 28 Febbraio dalle 10 al Maschio Angioino.

 

Nel corso dell’incontro saranno analizzati gli strumenti che la politica mette in campo per arginare i fenomeni negazionisti e di violenza. Ad essere preso in considerazione sarà, in particolare, il disegno di legge in discussione al Parlamento italiano e le opinioni a favore e contro che esso sta suscitando nel mondo del diritto e dell’associazionismo.

 

Al dibattito prenderanno parte la Presidente della Fondazione Lucia Valenzi, il docente di diritto internazionale Gabriele Della Morte, la docente Antonella Falco e il coordinatore del progetto “Memoriae” Nico Pirozzi.

 

 

 

Relazioni Esterne e con i Media

Gianluigi Cioffi 333 5056074

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.