Un grande risultato è stato raggiunto dal Partito Democratico di Mondragone, sez. “A. Vassallo”.

dertgdMONDRAGONE – Un grande risultato è stato raggiunto dal Partito Democratico di Mondragone, sez. “A. Vassallo“. Era notte inoltrata quando i democratici hanno realizzato che il partito rappresentava la seconda forza politica eletta dai cittadini 
mondragonesi per la svolta europea, dopo Forza Italia. Rispetto alle diverse analisi che sono state fornite all’opinione pubblica nelle ultime ore, il Partito Democratico di Mondragone ha dimostrato di aver tenuto ferma la propria posizione, con un consenso deciso, un elettorato che ha dato fiducia, che conferma il dato elettorale degli anni precedenti. Rispetto alle scorse europee, invece, il partito locale ha incrementato la propria forza di circa l’11%. Questo risultato positivo è dovuto sicuramente ad un forte cambiamento che è avvenuto all’interno della direzione del circolo, con l’apporto di forza giovanili, nuove, pronte a confrontarsi su temi e problematiche con i cittadini e con tutte le forze politiche attive sul territorio. “Abbiamo raccolto tanti consensi – dichiara il segretario democrat Achille Pagliaro – perché l’Europa cambi verso il prima possibile. I membri del Partito, il movimento Giovani Democratici, i tesserati e i simpatizzanti si sono impegnati al massimo per portare a casa un buon risultato. Quel 27,54% rappresenta per noi democratici un forte segnale di crescita, che ci spinge a proseguire sulla strada della responsabilità e dell’impegno politico. L’elettorato ha premiato la serietà di questo partito, che ha messo al centro della propria azione politica la Città e il senso di responsabilità. Lo stesso elettorato ha, poi, espresso fiducia – oltre che per il segretario nazionale del Partito, Matteo Renzi – anche per Pina Picierno, Nicola Caputo e Massimo Paolucci, che s’impegneranno in Europa anche per Mondragone“. Il circolo, che ben organizzato con le diverse forze giovanili, è riuscito a coprire tutti i seggi con i propri rappresentanti. Lo stesso, unitamente, ringrazia tutti coloro che hanno sostenuto Massimo, Nicola e Pina per la svolta Europea.