Nuovi Orari Trenitalia dall’11 Dicembre. Disagi per i pendolari.

Trenitalia, infatti, continua a creare disagi agli utenti, costretti ad utilizzare il treno per andare a lavorare od a studiare, riducendo il numero dei treni o spostando gli orari di quelli per lo più utilizzati da lavoratori e studenti senza sentire nemmeno le Amministrazioni locali interessate, come rileva la Confederazione Cisas.
I più danneggiati sono quelli che utilizzano la linea Napoli – Roma, nel tratto ferroviario Aversa – Formia. Nel casertano vengono penalizzati così tutti i comuni, che gravitano al di qua del Garigliano sul litorale domiziano, che invece andrebbe anche privilegiato per un migliore sviluppo turistico, come più volte richiesto anche dalla Confederazione Cisas.
Il nuovo orario di Trenitalia, in vigore dal prossimo 11 Dicembre, danneggerà i residenti dei comuni di Mondragone, Falciano del Massico, Carinola, Francolise, Cellole, Sessa Aurunca, Roccamonfina i cui residenti si stanno da tempo lamentando dei disagi.
Mentre nel Lazio si è tenuta un’apposita riunione presso la sede della Regione Lazio, in Campania la Regione – pur avendo un Presidente che affronta i problemi – continua a tacere sull’argomento. L’Ente Regione non si fa sentire sull’argomento, pur essendo stato interessato dalle varie Amministrazioni Comunali interessate. Nemmeno le varie forze politiche provinciali e regionali danno segno di vita come richiesto dai residenti interessati.
In realtà, evidenzia la Cisas, col nuovo orario in vigore da Dicembre, gli utenti dei Comuni del litorale casertano nonché quelli del basso Lazio, a causa della eliminazione di treni o di spostamenti di orari, saranno ancor di più danneggiati perché dovranno raggiungere con maggiore difficoltà lo scalo della stazione di Formia.
La Segreteria della Confederazione Cisas, nell’esprimere la propria disponibilità alle Amministrazioni comunali ed agli utenti del casertano penalizzati dal prossimo cambiamento di orario, si rivolge al Presidente della Regione Campania De Luca per un suo sentito intervento nei riguardi della Direzione di Trenitalia.