Tesi su posizionamento dei prodotti sui mercati esteri, caso Distilleria Petrone

La Dottoressa Katia Simone ha discusso la sua tesi di laurea specialistica, all’Università degli studi di Cassino su “modalità di entrata e posizionamento del prodotto sui mercati esteri” prendendo come riferimento l’azienda mondragonese Petrone.

Dottoressa Simone nel vasto ventaglio di aziende italiane perché ha scelto proprio la Distilleria Petrone?

La mia scelta è ricaduta sulla distilleria Petrone, dopo una attenta analisi e ricerca, volevo che il mio progetto racchiudesse in se qualcosa della mia terra, essendo di origini Campane, esaltare e portare all’attenzione ciò che c’è di buono, così dopo varie ricerche trovo questa media impresa presente a Mondragone che porta avanti il suo lavoro da più generazioni.

Facendo riferimento alla sua tesi cosa ha scoperto sulla distilleria?

La distilleria Petrone è una tipica forma imprenditoriale che caratterizza il sud Italia, possiamo collocare questa azienda nella fascia delle piccole e medie imprese, sviluppata da una tradizione familiare centenaria tramandata da padre in figlio dove la chiave del successo è: la qualità del prodotto, flessibilità, efficienza e controllo dei costi.

Sempre in riferimento alla tesi, Lei ha preso come riferimento un prodotto in particolare?

I prodotti della Distilleria Petrone sono tanti e ciò che li contraddistingue sul mercato è che la loro filiera produttiva è basata sulla genuinità delle materie prime, questo permette di avere un prodotto finale a volte inaspettato, proprio come il caso che ho preso in considerazione della “Guappa”, questo liquore fatto con latte di bufala Campana. La Guappa richiama un po’ le vecchie tradizioni dei pastori che nelle fredde mattinate d’inverno miscelavano il late con acquavite per riscaldarsi. Durante le fasi di produzione nella distilleria tutto è fatto a mano senza l’ausilio di alcuna strumentazione elettronica. Alla base dell’azienda vi è la valorizzazione del territorio e la diffusione della cultura Made in Italy, aspetti che hanno permesso di posizionare l’azienda in particolare con Guappa in una fascia di mercato medio-alta nel rapporto qualità-prezzo rispetto ai suoi competitor. Oggi l’azienda è già presente in molti mercati con il canale d’entrata: le esportazioni indirette tramite trading companies ovvero società specializzate nelle operazioni import-export, ma si pone una particolare attenzione al mercato Asiatico. Posso concludere dicendo che la Distilleria Petrone nonostante sia una piccola impresa, con i suoi prodotti innovativi e di elevata qualità riesce a vincere la sfida dell’internazionalizzazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

di Emilio Pagliaro
emiliopagliaro82@gmail.com