Teatro Trianon, gli spettacoli e gli obiettivi della nuova stagione teatrale

Teatro Trianon

Nino D’Angelo: «Abbiamo deciso di fare un cartellone mettendo insieme il teatro  tradizionale con quello contemporaneo»

Il 9 novembre ricomincia la stagione teatrale del Triaton, teatro pubblico napoletano con direttore artistico Nino D’angelo, che ha pubblicato il calendario dei nuovi spettacoli in scena dal 9 novembre al 10 maggio. Per quest’anno il teatro si pone l’obiettivo di innovare le rappresentazioni per coinvolgere maggiormente il pubblico e i giovani alternando opere tradizionali a rivisitazioni in chiave contemporanea pur continuando a valorizzare la tradizione napoletana.

Il TEATRO – Il Trianon, teatro del Popolo Trianon Viviani, è nato nel 1911. È situato nel centro storico di Napoli, nei pressi di Forcella. E’ un teatro pubblico dedicato al grande attore e commediografo napoletano Raffaele Viviani. Dopo un periodo di chiusura è stato riaperto nel novembre del 2016 e inaugurato dal Presidente della Regione Campania che ha affidato la direzione artistica a Nino D’Angelo, già direttore dal 2006 al 2010.

IL CALENDARIO DEGLI SPETTACOLI – Secondo la programmazione, la stagione 2017/2018:

  • 9 novembre con lo spettacolo “Il pomo della discordia” con protagonisti Maria Nazionale e Carlo Buccirosso
  • Dal 23 novembre andrà in scena Paolo Caiazzo con “Per fortuna che sono terrone”  dove il protagonista racconterà la sua “meridionalità” attraverso monologhi e parti musicali
  • Dal 30 novembre Oscar Di Maio si cimenterà in uno spettacolo del teatro comico tradizionale in “Nu bambeniello e tre san Giuseppe”, di Gaetano Di Maio e Nino Masiello
  • Dal 7 dicembre protagonista sarà la musica napoletana con lo spettacolo scritto e diretto da Bruno Garofalo che racconterà  il “secolo d’oro” napoletano, dalla fine dell’Ottocento fino alla seconda guerra mondiale.
  • Dal 21 dicembre verrà rappresentata l’attesissima commedia di Raffaele Vivaldi “L’ultimo scugnizzo” interpretata da Nino D’Angelo che doveva andare in scena già lo scorso anno.
  • Dal 18 gennaio  tocca a “Mal d’essere” di Davide Iodice, una rivisitazione in chiave moderna e in napoletano dell’Amleto di Shakespeare
  • Dal 25 gennaio “Ritornanti” di Enzo Moscato che continua lo spazio dedicato alla contemporaneità inaugurato dallo spettacolo precedente
  • Dal 1°  febbraio si ritorna alla tradizione con “’O scarfalietto, adattato dall’originale” di Eduardo Scarpetta e interpretato da Fabio Brescia
  • Dal 15 febbraio “Tutto il mare o due bicchieri” una commedia che vede come registra e attore Eduardo Tartaglia insieme a Veronica Mazza incentrata sul racconto del trafugamento delle ampolle contenenti il sangue di S.Gennaro
  • Dal 22 febbraio Toni Servillo, in scena con “Toni Servillo legge Napoli”  per raccontare dei pregi e dei difetti della nostra città
  • Dal 1° marzo ritorna Nino D’Angelo  con uno spettacolo intitolato “ Dangelocantabruni” dedicato al Maestro che Eduardo definì «‘a Voce ‘e Napule», nato proprio al  Trianon e poi portato in giro per il mondo
  • Dal 15 marzo il musical “Furcella Strit” diretto da Abel Ferrara che racchiude le finalità della programmazione di questa stagione in quanto viene realizzato da un laboratorio gratuito con lo scopo di ricercare nuove forme di spettacolo coinvolgendo la tecnologia e ambientando gli spettacoli in teatri tradizionali per la valorizzazione delle tradizioni del territorio.
  • Dal 5 aprile verrà messa in scena  “La paranza dei bambini”  progetto del Nuovo teatro Sanità scritto da Roberto Saviano e Mario Gelardi  dove un gruppo di adolescenti cercano di conquistare il potere
  • Dal 12 aprile “Totò che tragedia” che racconta del percorso artistico e della vita privata del grande attore napoletano
  • Dal 19 aprile “Core ‘ngrato” di Rosalia Porcaro, una tragicommedia con protagoniste mamma e figlia
  • Dal 26 aprile “Comica social” con Lucio Pierri, Davide Marotta e Yuliya Mayarchuk, e con Rosaria De Cicco ed Ernesto Lama dove si affronta un problema intramontabile come quello della perdita del posto di lavoro
  • Dal 3 maggio “La figliata” la seconda opera dedicata a Viviani messa in scena dalla compagnia Comédie napolitaine
  • Dal 10 maggio “I casi sono due”  interpretato e diretto da Gigi Savoia che chiuderà la stagione.

GLI ABBONAMENTI – È possibile aderire ad una nuova formula di abbonamento:  sette spettacoli a scelta esclusi “Forcella Strit” e “Dangelocantabruni “ con diritto di prelazione per i sottoscrittori della scorsa stagione fino a domenica 22 ottobre. Gli abbonamenti possono essere acquistati presso il botteghino del teatro (aperto tutti i giorni: dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 19; la domenica dalle 10 alle 14), o nelle prevendite convenzionate riportate nel sito istituzionale. I prezzi partono da 100 euro.

GLI OBIETTIVI –  «L’obiettivo per il futuro è che il Trianon Viviani diventi un teatro che produce i suoi spettacoli attraverso seri laboratori curati da attori e registi veri, che aiutano i giovani, soprattutto dei quartieri difficili, a inserirsi nel mondo del teatro e della musica; e ospitare compagnie che faticano a trovare spazio nei cartelloni di altri teatri» ha dichiarato il direttore artistico Nino D’Angelo.

di Mara Parretta