UN SINDACO HA IL DOVERE DI VIVERE TRA I CITTADINI….

UN SINDACO HA IL DOVERE DI VIVERE TRA I CITTADINI….

Un sindaco da strada
Un sindaco da strada

13932889_10153788035587060_8221472142178693221_n 13939395_10153788036982060_8215367480146939286_n 13939516_10153788032972060_5624100842905994194_n

De Magistris : “Anziani soli, bambini in difficoltà, donne e uomini senza un tetto, fratelli immigrati da situazioni disperate, ragazzi difficili, persone fragili. Come abitanti di una stessa umanità dobbiamo amare chi ha più bisogno, prenderci cura di chi non ce la fa da solo; e chi, come me, guida un’istituzione pubblica ha due volte, dieci volte questo dovere.”

Luigi continua a raccontarci la Sua giornata di ferragosto tra i meno la gente …

Ho trascorso questo ferragosto in giro fra alcune strutture di accoglienza della città, il centro Signoriello per anziani, il centro Buglione per immigrati e bisognosi, il centro Mario e Chiara per bambini e ragazzi, l’istituto delle Figlie della carità, che lavora coi minori a rischio. Non sono state semplici visite di cortesia, ma occasioni importanti per verificare le situazioni e capire cosa si può fare concretamente da domani stesso per tutte queste persone.

Penso con rabbia a tutti i soldi che i governi tagliano ai comuni, che significano inesorabilmente bambini, anziani, senzatetto, immigrati, persone in meno che si possono assistere e curare. La pietà umana bruciata sull’altare gelido dell’economia neoliberista.

Noi non vogliamo arrenderci a questa logica. Vogliamo fare ogni sforzo possibile per stendere al massimo la coperta; io m’impegno con tutte le mie forze. Mettiamoci tutti quanti le mani, e il proverbiale cuore dei napoletani.

Poi la sera sul lungomare splendido concerto di ferragosto con la notte della tammorra. Musica popolare e di qualità per tutte e tutti.

Senza fare retorica e facile populismo… ma questo modo diretto e semplice di svolgere il proprio ruolo istituzionale, senza proclami e megafoni di comodo, ma stando tra i cittadini, conoscendo le realtà, anche quelle meno visibili e più “scomode” che un SINDACO dimostra il suo spessore istituzionale oltre che la sensibilità umana. 

Tommaso Morlando

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.