Dal SIA al REI: pronto il percorso di modifica per l’azione di contrasto alla povertà

Dal SIA al REI

Alle battute finali l’acquisizione delle istanze per beneficiare del contributo per il SIA (Sostegno all’Inclusione Attiva).
Sarà possibile presentare domanda entro e non oltre il 31 ottobre 2017

 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017 si è concluso il percorso di attuazione del Reddito d’Inclusione e dal 1 dicembre del 2017 si potrà accedere alla nuova misura unica nazionale di sostegno al reddito, il REI (Reddito d’Inclusione) con requisiti d’accesso leggermente ampliati rispetto alla predente misura, tutt’oggi attiva. Pertanto, a partire da quella data, le famiglie in possesso dei requisiti familiari ed economici previsti dal decreto potranno richiedere il REI presso il proprio Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso che saranno indicati degli stessi.

In linea generale, il REI prevede un sostegno economico (fino a un massimo di circa 485 euro mensili, per le famiglie più numerose) accompagnato da servizi personalizzati per l’inclusione sociale e lavorativa. Il sostegno economico varia in base al numero dei componenti il nucleo familiare e alle risorse di cui la famiglia dispone per soddisfare i bisogni di base.

Il beneficio viene concesso dall’INPS che, con una propria Circolare, renderà disponibili il modulo di domanda e ulteriori istruzioni operative. Dal 1° gennaio 2018, il REI sostituirà il SIA (Sostegno per l’inclusione attiva) e l’ASDI (Assegno di disoccupazione).

Poiché il SIA è concesso ogni due mesi per le domande presentata nel bimestre precedente, a decorrere dal 1° novembre 2017 la richiesta per il SIA non potrà più essere presentata. Coloro che stanno già beneficiando del SIA continueranno a percepire il relativo beneficio economico per tutta la durata e secondo le modalità previste.
Se i beneficiari del SIA soddisfano anche i requisiti per accedere alla nuova misura, potranno richiedere la trasformazione del SIA in REI. Per quanto riguarda l’ASDI, la domanda potrà essere presentata fino al 30 gennaio 2018 per coloro che abbiano terminato la NASPI entro il 31 dicembre di quest’anno.

Seguiranno maggiori dettagli ma nel frattempo è possibile visualizzare la slide di presentazione, sul link

di Annamaria La Penna

 

About Annamaria La Penna

Pedagogista, si occupa di educazione, formazione e ricerca universitaria prevalentemente nell'educazione degli adulti e del Life Long Learning. Assistente Sociale, mediatrice familiare e consulente tecnico esperto in servizio sociale forense, è impegnata nei servizi e nelle politiche sociali dal 2001. Ha collaborato con alcune testate, tra cui Viewpoint, magazine di promozione culturale umbro (dove nasce e si forma) fino a giungere nel 2016 nella grande famiglia di Informare, dove ricopre il ruolo di caporedattore e direttore organizzativo. Iscritta agli Ordini professionali degli Assistenti Sociali e dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Obiettivo personale e professionale: con passione e dedizione, continuare a migliorare in qualsiasi cosa faccia.