Security Manager e Sicurezza Nazionale – Congresso ANSSAIF – Roma 13 novembre 2015

 

Logo-Anssaif

locandina XI congresso ANSSAIF (3)

Pieghevole XI Congresso ANSSAIF (2)

Security Manager e Sicurezza Nazionale

XI Congresso Nazionale ANSSAIF

Roma 13 novembre 2015, ore 15

Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts

 

 

 

Le nuove crescenti minacce, coniugate ad una situazione economica globale non semplice, richiedono un nuovo approccio: una profonda e diffusa cultura dell’attenzione all’incertezza, pronta a cogliere le minacce e le possibili opportunità.

Di questo e della situazione attuale ne discutono esperti, security manager di diverse aziende ed addetti al settore all’XI Congresso Nazionale organizzato dall’ANSSAIF (www.anssaif.eu) a Roma il 13 novembre 2015, alle ore 15, presso Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts (Via Alberto Cadlolo 101).

Sul tema “Servizi digitali, Sicurezza, Rete. Quali conoscenze e quali strumenti per affrontare le nuove minacce?” interverranno: dott. Alessandro Politi, dott. Fabio Merello; dott. Gino Giambelluca; ing. Romano Stasi; Prefetto Domenico Vulpiani, dott. Tommaso Profeta; dott. Umberto Saccone; prof. Luciano Hinna; dott. Romain Defline; avv. Romolo Pacifico; ing. Luisa Franchina; dott. Alessandro De Angelis; dott. Michele Onorato; dott. Lucio Mattielli, dott. Roberto Di Legami.

Alle conclusioni parteciperanno l’on. Sergio Boccadutri, a cui sarà consegnata una targa per il suo impegno profuso nelle attività di regolazione e promozione della moneta elettronica, e l’Ambasciatore Giampiero Massolo, Direttore del Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza (DIS), a cui sarà consegnata una targa per il suo impegno profuso a promuovere e diffondere la cultura della Sicurezza e dell’Intelligence nella società e tra i giovani. A coordinare il dibattito sarà il direttore Raffaele Barberio.

Al termine dei lavori si terrà la cena sociale dell’ANSSAIF, nell’ambito della quale, alla presenza del dott. Michele Crudele, sarà consegnata una targa all’on. Stefano Quintarelli, per aver promosso una cultura di internet orientata alla libertà di espressione e alla condivisione della conoscenza in equilibrio con la sicurezza personale e la privacy.

Inoltre, alla presenza del Presidente del Moige dott.ssa Maria Rita Munizzi e del Direttore Generale dott. Antonio Affinita, saranno consegnati dei riconoscimenti – per il contrasto alla pedopornografia – al Sostituto Commissario Marco Valerio Cervellini ed al Sovrintendente Capo Paolo Barcaccia; entrambi appartenenti alla Direzione Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i reparti speciali della polizia di Stato-Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Alcuni degli interrogativi che saranno posti ai relatori nel corso della sessione pomeridiana sono:

  1. È garantita una corretta visione olistica della Sicurezza (Safety, Sicurezza ICT e fisica, Business Continuity)? E’ giusto l’attuale posizionamento organizzativo?
  2. Esiste un obbligo per le aziende di informare e preparare i dipendenti alle possibili minacce: sono queste conosciute oppure ogni organizzazione le deve “scoprire” o immaginare per suo conto, con il rischio di incorrere nella violazione della 81 / 2008 e della 231 / 2001? Quali sono i possibili scenari che interesseranno nei prossimi mesi le aziende italiane?
  3. Gli allarmi sui rischi insiti nella supply chain – obiettivo spesso degli attacchi APT – hanno avuto un seguito? Quali azioni in difesa delle PMI?
  4. Quali azioni vengono intraprese a livello internazionale per il contrasto del cyber crime nei confronti degli intermediari finanziari?
  5. Il global risk management, se gestito in modo tradizionale, è un catalizzatore e promotore di efficienza ed efficacia, oppure introduce errori di valutazione?
  6. Di fronte agli attacchi cyber sempre più sofisticati e della minaccia terroristica, si può fare intelligence anche nei confronti dei dipendenti e collaboratori? Vi è certezza legislativa?
  7. Perché si trascura l’ipotesi di fornire un adeguato supporto di competenze ed abilità agli addetti alla Sicurezza in modo da far conseguire non trascurabili vantaggi all’organizzazione, ai fini dell’individuazione di soluzioni di mitigazione del rischio: ciò in termini di maggiore produttività e miglior rapporto costi / benefici?
  8. Come la nuova UNI 10459 ha saputo interpretare le nuove esigenze e rappresentare un apripista alle questioni che vogliamo mettere sul tavolo?
  9. Come possiamo creare una partnership pubblico privato che possa essere definita normativamente?
  10. Quale supporto possono dare i Security Manager all’intelligence nazionale e quale può essere lo scambio di informazioni a tutela del business e degli interessi nazionali?

 

Si prega di confermare la propria presenza inviando una email a: congresso@anssaif.it

 

 

Per interviste: ingegner Anthony Cecil Wright, presidente ANSSAIF, cell. 3358183303 – email anthony.wright@anssaif.it