SCHIAPPA: “SU PESCOPAGANO AZIONE IMPONENTE E DECISA.

Pescopagano 8-9-14 “SU PESCOPAGANO AZIONE IMPONENTE E DECISA. E’ CHIARO CHE QUARANT’ANNI DI DEGRADO NON POSSONO ESSERE CANCELLATI SOLTANTO CON POCHI MESI DI AZIONI MIRATE”.

SCHIAPPA: “SU PESCOPAGANO AZIONE IMPONENTE E DECISA. E’ CHIARO CHE QUARANT’ANNI DI DEGRADO NON POSSONO ESSERE CANCELLATI SOLTANTO CON POCHI MESI DI AZIONI MIRATE”.

 

Una nuova operazione congiunta, tra Polizia Locale e la Compagnia dei Carabinieri di Mondragone,  si è svolta stamane a Pescopagano, dove le forze dell’ordine hanno controllato diversi immobili fatiscenti, le cui condizioni sono apparse di estremo degrado. E’ l’ennesima azione di controllo sul territorio di Pescopagano che ribadisce la presenza di uno Stato sempre più costante, che fa sentire la propria presenza dopo le decisioni assunte durante il Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza  tenutosi a Caserta il mese di agosto e la forte collaborazione istituzionale tra il Ministro dell’Interno, il Ministero della Difesa, la Prefettura di Caserta ed il Sindaco di Mondragone Giovanni Schiappa che, insieme al Sindaco Dimitri Russo per quanto concerne gli interventi sul territorio di Castel Volturno.

Sul caso Pescopagano – commenta il Sindaco di Mondragone Giovanni Schiappa – abbiamo operato, come nostro costume, attraverso una mirata attività istituzionale, concreta e priva di demagogia, che ci sta permettendo di elevare un problema atavico al rango dell’attenzione governativa nazionale e che, oggi, comincia a sviluppare i suoi frutti. Su Pescopagano – continua il Sindaco Schiappa – c’è un impegno preciso e determinante da parte del Governo centrale italiano, mediante il Ministro dell’Interno Angelino Alfano ed il Sottosegretario di Stato alla Difesa Gioacchino Alfano, che hanno messo in campo il massimo dell’impegno e delle risorse che lo Stato possa permettersi per una criticità del genere. Questa sfortunata porzione di territorio, prima d’ora, non aveva mai conosciuto un’azione così imponente e decisa. E’ chiaro, nondimeno, che quarant’anni di degrado non possono essere cancellati soltanto con pochi mesi di azioni mirate. Attraverso la giusta coesione istituzionale, insieme all’impegno della società civile – che necessariamente deve fare la propria parte – riusciremo a sconfiggere il degrado, l’abbandono e la paura. Per questo motivo –conclude Giovanni Schiappa – mi appello a tutte le forze politiche, affinché sul caso Pescopagano possa davvero placarsi ogni futile demagogia, in quanto il benessere dei cittadini di questo territorio non può essere l’oggetto di reiterati e faziosi giochetti politici, di una opposizione sempre più lontana dalle esigenze reali del territorio e sempre più attiva nella strumentalizzazione continua di tematiche che dovrebbero rimanere ascritte ad un senso istituzionale più nobile ed alto”.

 

 

Salvatore Di Rienzo, portavoce del Sindaco e dell’Amministrazione comunale di Mondragone (mobile +393314245287; mailsalvatore.dirienzo@mondragone.net)