Scavi di Pompei da record, superati i 3 milioni di visitatori nel 2016

Napoli – In occasione dell’inaugurazione di EATSTORY – da noi il cibo ha una storia, il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, affiancato dal Ministro dei beni culturali Dario Franceschini, ha preannunciato il superamento di una soglia-record di visitatori degli scavi di Pompei per il 2016, grazie anche al progetto che, per l’intero periodo natalizio, punta a far rivivere atmosfere del passato con la degustazione di pietanze di era pompeiana.
Su Twitter lo stesso Ministro ieri ha comunicato l’avvenuto successo: “Per la prima volta nella sua storia #Pompei supera oggi i 3 milioni di visitatori. E siamo solo all’8 novembre..”
Un aumento del 30% del numero di ingressi in cinque anni ha consolidato al secondo posto il noto sito archeologico tra le realtà museali più visitate in Italia, aggiungendo valore a quel sistema produttivo culturale che a livello nazionale rende 249.8 miliardi di euro, dando lavoro a 1.5 milioni di persone, il 6.1% del totale degli occupati in Italia (elaborazioni Coldiretti su dati Symbola).
La fusione di due attrattive eccellenti per il turismo, cultura e cibo, risultano quindi vincenti per il rilancio economico e occupazionale del Mezzogiorno, in un accostamento tra antico e moderno, storia e sapore.
Il premier Matteo Renzi definisce Pompei simbolo di ripartenza. “Fino a qualche anno fa – spiega il Presidente del Consiglio – Pompei faceva notizia solo per i crolli, mentre oggi è il simbolo della ripartenza del nostro Paese.
Dunque a Pompei la storia si respira e si ammira, ma ogni martedì ed ogni sabato si mangia pure, sino alla fine dell’anno.

Barbara Giardiello
barbara.giardiello05@gmail.com