Saviano : Sagra popolare, tra folklore e tradizione

11297852_10206802474210909_793612691_n

E giunta ormai alla seconda edizione la sagra della pizza evento organizzato dall’associazione Giovani Cerreto-Aliperti di Saviano località in provincia di Napoli  che si terrà il  17-18-19 Luglio, in onore dei festeggiamenti della Madonna del Carmine. Saranno giorni all’insegna dello svago e del divertimento non a caso ci sarà lo spettacolo di Francesco Cicchella, comico di Made in sud , ritorna “la Cerrida”, reinterpretazione della Corrida con esibizioni canore e di intrattenimento ed infine a chiudere l’evento l’ultimo giorno sarà tutto all’insegna dello stile  folk con richiami a  danze popolari. A tal proposito abbiamo intervista uno degli organizzatori delle tre consuete serate di sagra. Gioacchino Alfieri,un giovane ragazzo, che in unione agli altri membri dell’Associazione, è concorde nel dare spazio ad attività ricche di divertimento per i cittadini savianesi

Siete giunti alla seconda edizione cosa significa per chi si è impegnato nell’organizzazione? Raggiungere la seconda edizione vuol dire da un senso a quello che ci ha portato fino qui. Un gruppo di ragazzi che si impegnano non per protagonismo, ma per donare una grande emozione alla gente della contrada riportando seriamente dopo anni la festa nelle loro case.

Quali sono le aspettative dell’Associazione Cerreto-Aliperti? Nel nostro primo anno ci siamo attivati esclusivamente a livello locale con appunto la prima edizione della sagra della pizza e qualche piccola opera di abbellimento della contrada. Col passare del tempo ci auguriamo che, con esperienza ed organizzazione, potremmo attivarci per fini più grandi.

Chi ha sostenuto e convenzionato l’evento? L’evento è stato sostenuto economicamente dai soci e soprattutto da tutte quelle persone che hanno contribuito anche con un piccolo sponsor o semplicemente offrendoci gli ingredienti della pizza. Per non dimenticare delle associazioni a noi vicine che ci hanno sempre sostenuto, dalla Pro Loco all’Arci Masaniello ad esempio.

L’amministrazione comunale ,nei confronti degli eventi organizzati dall’Associazione ,in quale atteggiamento si pone ?Penso spesso che in un comune come quello di Saviano esistano troppe feste a livello rionale, che magari non hanno un collante per poter creare un’unica grande manifestazione. Per questo motivo credo che l’atteggiamento dell’amministrazione non possa che essere di supervisione, senza grossi aiuto ma senza nemmeno grossi impedimenti.

Insomma vivere in un paese di provincia vuol dire anche questo, vuol dire credere nelle piccole manifestazioni , nelle sagre di paese, nel divertimento genuino, sano. Significa credere  in quella spensieratezza  fatta di piccole azioni  aventi l’unico scopo di esser presenti in una realtà di provincia che se pur piccola ha il diritto e il dovere di esser riconosciuta anche attraverso le feste popolari e come asseriva lo sceneggiatore statunitense Eddie Cantor “Conoscere e amare il folclore popolare significa onorare il linguaggio della propria bandiera.”

 

 

 

 

About martina giugliano

Nata il 05/02/1991 a Napoli. Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Lettere Moderne. Addetto Stampa dell’Associazione “Social Evo“. Speaker radiofonica, tutti i venerdì curo la rubrica free time sulle frequenze di Radio Amore.