Il San Paolo si prepara alla Champions League….

L’assessore Borriello : soddisfazione per il via del mutuo del Credito sportivo

Il San Paolo si prepara alla Champions League: Istituto Credito sportivo e Comune stipulano la prima trance che consentirà al Napoli di disputare in casa la sua prima partita della più ambita competizione europea.

Il restyling dello stadio San Paolo è finalmente realtà. Il Credito Sportivo in tempi record, dopo l’approvazione del bilancio previsionale del Comune di Napoli arrivata nella notte tra il 5 e il 6 agosto scorso, ha deliberato il primo stralcio di 5 milioni di euro all’interno del progetto generale di 25 milioni per la ristrutturazione dello Stadio San Paolo di Napoli.

L’intervento è strutturato in due parti: il primo milione di euro servirà per i lavori di adeguamento dell’impianto alle attuali disposizioni internazionali impartite dalla UEFA affinché il Napoli Calcio possa disputare nel suo stadio le  partite di Champions previste a partire dal mese di settembre.

Nello specifico la prima erogazione sarà destinata ai lavori con carattere di estrema urgenza riguardanti: la messa in opera di nuove reti di distribuzione idrica ed antincendio, opere edili di ripristino funzionale degli uffici, sale stampa-conferenze, area hospitality e spogliatoi. Sarà previsto inoltre un nuovo sistema di canalizzazione degli scarichi pluviali per evitare il ristagno dell’acqua sul solaio di copertura e gli interventi imposti sulle manifestazioni sportive dal Gruppo operativo sicurezza per garantire la gestione dell’ordine pubblico e della sicurezza.

 

I restanti 4 milioni di euro verranno destinati per la sostituzione di un primo lotto di 12.000 sediolini e conseguente sistemazione ed impermeabilizzazione delle relative gradinate, per la realizzazione di nuovi blocchi bagni e riparazione di quelli già esistenti, oltre che per opere generali per il mantenimento della sicurezza e per la realizzazione di un’area da adibire ad autorimessa.

 

 

“ E’ con viva soddisfazione _ questa la  dichiarazione dell’Assessore allo sport  Ciro Borriello –

che accogliamo il felice epilogo dell’accordo col Credito Sportivo e dell’erogazione di accredito che sarà data per i lavori di ristrutturazione dello Stadio San Paolo. Un percorso che non ha avuto difficoltà o remore di continuità di interlocuzione fra le parti, ma che ha dovuto fare i conti con una tempistica legata a fatti oggettivi, come il fermo elettorale e la ripartenza amministrativa. A solo una settimana dall’approvazione del Bilancio in Consiglio Comunale, che ha visto tutti d’accordo  nel votare la delibera del piano triennale dei lavori  pubblici per la ristrutturazione dello Stadio San Paolo, pensiamo ad una continuità di linea ed indirizzo, che partendo dal grande evento delle Universiadi, che sarà al centro della città sportiva e non solo, proceda anche con un piano di riqualificazione e di rilancio degli impianti sportivi della periferia. Obiettivo e prerogativa primaria di questa amministrazione e di questo Assessorato. Oggi, intanto siamo contenti di poter dire ai tanti appassionati e tifosi della squadra del Napoli, che i lavori partiranno con questo primo accredito di fondi, e che si concluderanno entro il 2017, al fine di rendere sempre più lo stadio San Paolo all’altezza  della storia e della bellezza dei suoi tifosi. “

 

 

“Con l’accordo di oggi – ha dichiarato Paolo D’Alessio, Commissario Straordinario ICS – si avvia un percorso che trasformerà il San Paolo in uno stadio moderno sicuro e confortevole al servizio degli appassionati tifosi napoletani “.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.