Renzi e Franceschini , 16 gennaio alla Reggia di Caserta.

matteo-renzi-premier-2Il Presidente del Pd Campano e Consigliere regionale Stefano Graiziano annuncia con una nota stampa, la visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dei Ministri Franceschini e Pinotti alla Reggia di Casertareggia caserta.

“Sabato prossimo sarà una giornata importantissima per la provincia di Caserta con la presenza alla Reggia  del premier Matteo Renzi e dei ministri Franceschini e Pinotti. Il governo dimostra di avere grande attenzione nei confronti della Reggia di Caserta che, nell’ambito del progetto di rilancio della cultura in Italia, diventerà un polo museale capace di attrarre un numero sempre maggiore di visitatori”. Lo dichiara in una nota il presidente del Partito democratico campano e consigliere regionale Stefano Graziano nel commentare l’enews del presidente del Consiglio in cui viene annunciata una visita alla Reggia per sabato prossimo, 16 gennaio. “La Reggia di Caserta è un’opportunità di sviluppo unica per il nostro territorio, spesso, purtroppo,  le sue potenzialità non sono state sfruttate e per anni si è assistito ad un calo di visitatori ed all’abbandono di molte aree. Il governo, prima con la decisione di destinare alla cultura gli spazi dell’Aeronautica e poi con la nomina del direttore Felicori, ha deciso di invertire la rotta. Adesso tocca a noi, classe politica di questo territorio, far in modo che questa opportunità non vada sprecata e creare i presupposti per intercettare i flussi turistici che oggi toccano la provincia di Caserta in modo marginale”.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.