Sabato 28 settembre tutto l’agro caleno, in un presidio dalle ore 16.30 all’esterno della calce idrata

INF_2013_LOGO_OV (2)Lo scorso 19 settembre, a Sparanise, sono iniziati gli scavi nell’area dell’ex Calce Idrata per il ritrovamento di possibili sotterramenti di rifiuti tossici. Dopo gli scavi seguiti con massima attenzione a Casal di Principe, adesso è il turno dell’Agro Caleno.

La cava “Calce Idrata” da sempre desta sospetti tra gli abitanti del posto, tanto che dal 2006 esistono denunce di fuoriuscite di gas dal terreno della cava e avvistamenti di camion che, in orari notturni, sversavano il loro contenuto e poi andavano via. Tutte denunce ovviamente bypassate e tenute sottobanco da chi avrebbe dovuto vigilare.

Lì sono seppelliti decenni di sversamenti abusivi, di denunce non ascoltate, di carriere politiche, istituzionali ed imprenditoriali, di affari di camorra, di connivenze e complicità senza eguali.

Visto quanto accaduto, siamo chiamati a tutelarci come comunità, dato che nè politica, nè istituzioni lo hanno fatto, se non con parole al vento.

Non permetteremo mai più ulteriori attacchi alla nostra salute e al nostro territorio!

Le comunità difendono le comunità!

La Rete Calena Beni Comuni chiama a raccolta Sabato 28 settembre tutto l’agro caleno, in un presidio dalle ore 16.30 all’esterno della calce idrata. Saremo lì per far capire che nulla più potrà essere nascosto sui nostri territori.

Vogliamo sapere perchè sono stati fatti scavi solo nella zona antistante la cava, tralasciando la stessa cava e i suoi pozzi di 30 metri che sono all’interno. Vogliamo capire se ci sarà una bonifica e soprattutto chi la farà, dato che ci sono tutti i presupposti per pensare che questi soldi saranno l’ennesimo tentativo speculativo a danno dei cittadini.

Il presidio sarà in solidarietà alla manifestazione che si terrà lo stesso giorno a Casal di Principe sulle stesse tematiche e farà da apri pista alla mobilitazione indetta dal Comitato in lotta contro la centrale a biomasse a Calvi Risorta, che si terrà nella cittadina calena sabato 26 ottobre e che abbraccera le vertenze che tutti i comitati ambientalisti campani stanno affrontando negli ultimi anni: bonifiche, impiantistica e discariche e alternative a tutto ciò.

RETE CALENA BENI COMUNI

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.