Sabato 16 Giugno al Centro Oasi di San Giovanni a Teduccio la Fondazione Valenzi presenta “Giochiamo a Pinocchio” lo spettacolo dei bambini del progetto sociale per l’infanzia disagiata “Bell’ e buon’. Suoni, colori e rappresentazioni”

Dalle 17 e 30 al centro di Via Ferrante Imparato a San Giovanni a Teduccio la presentazione dei risultati dei laboratori di espressività con protagonisti i bambini della zona orientale di Napoli.

Sarà la rappresentazione artistica dal titolo “Giochiamo a Pinocchio” in programma sabato 16 Giugno dalle 17 e 30 al Centro polifunzionale Oasi di San Giovanni a Teduccio – Napoli (Via Ferrante Imparato 111) con protagonisti i giovanissimi partecipanti dei laboratori di espressività, a chiudere la seconda annualità del progetto “Bell e buon’. Suoni, colori e rappresentazioni”; l’iniziativa rivolta ai bambini con situazioni di svantaggio sociale e familiare del territorio napoletano.

Il progetto è promosso dalla Fondazione Valenzi, l’istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983 e coordinato dalla responsabile Lucia Precchia.

Lo spettacolo, per la regia di Paolo Coletta, sarà articolato in cinque quadri animati.

La manifestazione sarà l’occasione per poter apprezzare concretamente e dal vivo i risultati del percorso educativo e di sostegno attivato dagli operatori attraverso le più innovative tecniche e prassi di intervento psico-sociale nei contesti ad alto rischio.

“Bell’ e buon’ – dichiarano Lucia Valenzi e Lucia Precchia – è un progetto realmente innovativo, rivolto alla prima infanzia, che utilizza alte competenze scientifiche e artistiche, offerte anche nella forma del volontariato sociale. ‘Giochiamo a Pinocchio’ viene presentato ai genitori, destinatari del progetto alla pari dei bambini, in un’atmosfera di interrelazione con il quartiere che è uno degli obiettivi del progetto. La fiaba di Pinocchio, rivisitata dai bambini di San Giovanni, diventa luogo di interazione, scambio di ruolo e volontà di rinascita”.

Il progetto “Bell’ e buon’. Suoni, colori e rappresentazioni” a San Giovanni a Teduccio è promosso in collaborazione con l’Associazione Figli in Famiglia, il sostegno economico della Fondazione Banco Napoli per l’assistenza all’infanzia, la Compagnia San Paolo di Torino, il Pio Monte della Misericordia e il patrocinio morale dell’UNICEF.

 

Relazioni Esterne e con i Media

Gianluigi Cioffi 333 5056074

 

Immagini per la stampa riguardanti la preparazione dello spettacolo sono disponibili all’indirizzo:

https://picasaweb.google.com/104666863539771187795/GiochiamoAPinocchioBellEBuonPreparazioneSpettacolo#

(l’utilizzo delle immagini è stato autorizzato dai tutori legali dei bambini ritratti tramite apposita liberatoria)

 

Segue una breve scheda di approfondimento sul progetto:

Bell’ e buon’. Suoni, colori e rappresentazioni a San Giovanni a Teduccio

· IL LUOGO: È il Centro Polifunzionale Oasi (Via Ferrante Imparato 111); quindi non una scuola che potrebbe confondere i piani di ascolto del bambino e dove le proposte di solito sono mediate da metodi di insegnamento e non di educazione.

· IL TEMPO: si tratta di laboratori settimanali che non vanno confusi con un intrattenimento per famiglie che spesso puntano solo a delegare la custodia dei figli.

· IL PERSONALE: già formato nell’esperienza precedente coinvolto di nuovo insieme a “mamme di famiglia” che partecipano in co-formazione con gli operatori per integrarsi realmente nel territorio.

· L’OBIETTIVO: bambini piccoli e piccolissimi che possano avvalersi di una prevenzione primaria, aprirsi al bello che per loro sarà immediatamente buono e formare per tempo un pensiero critico e un metodo di approccio ai problemi di tipo esperienziale e non accettato passivamente.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.