SABATO 13 DICEMBRE 2014 _ “I BELLELLI E DEGAS” – al Museo Archologico Nazionale di Paestum la presentazione del libro di ROSA SPINILLO

I Bellelli e Degas - Rosa Spinillo - copertinaI Bellelli e Degas (1)Invito I BELLELLI E DEGAS - PaestumRosa SpinilloSABATO 13 DICEMBRE 2014

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

I Bellelli e Degas

iconografia e storia di una famiglia italiana

della storica e critica d’arte rosa spinillo

 

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum ospiterà una giornata dedicata alla scoperta dei legami tra la Famiglia Bellelli e il grande artista Edgar Degas, in un inedito percorso tra Arte, parole e immagini: un volume che getta nuova luce sulla produzione di Degas e sul suo leggendario dipinto La Famille Bellelli” (conservato presso il Musée d’Orsay)

 

 

 

Gli spazi del Museo Archeologico Nazionale di Paestum ospiteranno sabato 13 dicembre 2014 [ore 17.00] la presentazione del libro “I Bellelli e Degas – iconografia e storia di una famiglia italiana” edito da Palombi Editori e scritto dalla critica e storica dell’arte Rosa Spinillo.

 

In gran parte basato su inediti documenti archivistici e corredato da un rilevante apparato iconografico, il libro aiuta a comprendere i legami tra la famiglia del grande Edgar Degas e la famiglia Bellelli, ma anche il dramma familiare legato al quadro “La Famille Bellelli” (conservato presso il Musée d’Orsay), che si snoda per tutto il lungo, e per molti versi sconosciuto, periodo di gestazione del dipinto.

In particolare, il libro getta nuova luce sulla figura di Gennaro Bellelli che, grazie alle nuove fonti messe insieme da Rosa Spinillo, rivelano un nuovo lato, ad oggi ancora sconosciuto. Di questo e non solo di questo si parlerà durante la giornata.

 

La presentazione del 13 dicembre 2014 vedrà la partecipazione di Enrico Bellelli (discendente della famiglia Bellelli e Presidente del Lions Club Paestum), di Italo Voza (Sindaco di Capaccio-Paestum), di Rosario Pingaro (Presidente di Convergenze) e di Marina Cipriani, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Paestum.

 

Alla presentazione interverranno l’autrice del libro, la professoressa Rosa Spinillo, e alcuni dei maggiori studiosi al mondo dell’opera e della vita di Edgar Degas: Koji Mori (storico dell’arte, Musei Reali del Belgio), Louis A. Waldman (storico dell’arte, Università di Austin, Texas), Dario M. Lepore (critico d’arte) ed Enrico Bellelli.

L’incontro/presentazione sarà moderato dal giornalista Michelangelo Iossa e da Rita Bellelli.

 

La presentazione gode dei Patrocini del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno-Benevento-Avellino-Caserta, del Consolato Generale di Francia a Napoli, dell’Istituto Francese Grenoble di Napoli, del Comune di Capaccio-Paestum, dell’Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo di Paestum, del Lions Club Paestum, , di Convergenze e della associazione Arte e Artisti di Napoli.

 

L’evento nasce in collaborazione con alcune aziende di eccellenza del territorio campano che – da molti anni – promuovono la Cultura e l’Arte in ambito regionale e non solo: Azienda Agrituristica Seliano, Camping Villaggio Golden Beach, Caseificio La Perla del Mediterraneo, Caseificio F.lli Di Lascio, Caseificio e Yogurteria Il Granato.

 

UFFICIO STAMPA

MICHELANGELO COMUNICAZIONE

  • 39 338 8545610

michelangelocomunicazione@gmail.com

info@michelangelopress.com

I Bellelli e Degas

Iconografia e storia di una famiglia italiana

di Rosa Spinillo

 

 

Quando Edgar Degas visitò per la prima volta l’Italia all’età di 20 anni nel 1854, il suo era qualcosa di più del normale viaggio di studi de rigueur comune per molti artisti francesi: stava semplicemente tornando a casa.

 

Napoli era la città natale di suo padre, dove Edgar fu accolto da Hilaire, l’emigré “nonno Ilario”, nel palazzo settecentesco costruito dal Sanfelice che negli anni a venire l’artista stesso avrebbe in parte posseduto.

A Firenze si ricongiunse con un’altra parte della propria famiglia nella dimora di sua zia Laura Degas, sposata con Gennaro Bellelli. Mentre Degas era occupato a perfezionare l’arte del disegno in mezzo ai capolavori esposti nelle chiese e nelle gallerie, i suoi sforzi pittorici si concentrarono sui ritratti dei suoi parenti italiani. Uno di questi, La Famille Bellelli, conservata nel Musée d’Orsay, divenne il punto nodale di un enorme sforzo concettuale; questa enorme tela, psicologicamente penetrante, è il primo capolavoro dell’allora giovane artista.

 

In gran parte basato su inediti documenti archivistici e corredato da un rilevante apparato iconografico, questo libro ci aiuta a comprendere in profondità non solo la personalità dei vari membri della famiglia Bellelli, ma anche il dramma familiare legato al quadro, che si snoda per tutto il lungo, e per molti versi sconosciuto, periodo di gestazione del dipinto. In particolare, il libro getta nuova luce sulla figura di Gennaro Bellelli che, grazie alle nuove fonti messe insieme da Rosa Spinillo, ci rivelano un suo lato ad oggi sconosciuto: un patriota del Risorgimento, intimo di alcuni dei personaggi principali legati al processo unitario dell’Italia ottocentesca.

Un decennio di paziente e costante scavo tra le carte d’archivio, che ha portato alla luce fondi documentari mai visti in precedenza, e l’aiuto dei parenti superstiti di Degas hanno permesso all’autrice di ricostruire minuziosamente le vicende di questo ramo dei Bellelli, originario del Salernitano.

Gli anni di studio hanno condotto ad un’importante scoperta storico-artistica: l’identificazione certa del soggetto di un ritratto a pastello di Degas recentemente venuto alla luce in una collezione privata. Adesso scopriamo che la sconosciuta donna del ritratto altri non era se non Francesca de Vito Piscicelli, moglie di Federico Bellelli, a sua volta fratello di quel Gennaro che ci volta le spalle nella tela del Musée d’Orsay.

 

Rosa Spinillo ha dimostrato come, ancora una volta, il lavoro di Degas come ritrattista è intimamente legato all’ospitalità e alle cortesie ricevute da parte dei suoi parenti Bellelli. Considerate le innumerevoli visite fatte da Degas in Italia, i suoi duraturi contatti con i circoli culturali dell penisola, il suo retaggio etnico, e la padronanza assoluta della lingua italiana, lascia stupiti la scarsa attenzion riservata tutt’oggi all’influenza esercitata dall’Italia sulla vita e l’arte di Degas. I lunghi anni di gestazione per realizzare La Famille Bellelli portano a concludere che per Degas il dipinto fosse un laboratorio dove si stava perfezionando un preciso stile personale. Ad esempio, le mani di Madame Degas e delle sue figlie, così aggraziate nella resa, devono tanto a Raffaello quanto a Ingres. I ritratti dei Farnesi eseguiti da Tiziano, che Degas aveva studiato a Capodimonte, parrebbero essere l’asse portante dell’enigmatico, ma profondamente eloquente, mise en scène dei Bellelli.

 

 

I Bellelli e Degas

Iconografia e storia di una famiglia italiana

Rosa Spinillo

 

Palombi Editori
150 pagine
2014