Rubrica di poesia: “Terra Mia” di A.Piscopo

Quando la voglia di riscatto, di sperare, di amare è più forte della rabbia e della paura per le sorti della propria Terra. Ecco ciò che esce fuori da questa poesia in rima baciata, con versi in italiano e in napoletano, scritta dal nostro giovanissimo poeta Alessandro Piscopo..

Terra Mia

A stretto contatto con la morte
tutto mi aspettavo tranne questa sorte.
La mia unica colpa, se così la si puo chiamare,
è quella di vivere nella terra del sole e del mare
anzi mi sbaglio, la chiamano “Terra dei fuochi”
sì perchè degli idioti hanno appiccato certi roghi.

oramai tutti vanno via,questa terra non offre più niente
tutti scappano povera gente
se solo capissero che per guarire questa terra non bisogna andare via
ma ripartire iniziando a sognare un sogno realizzabile, non un utopia
Ripartire dalla terra del sole quella dell’amore
la terra che ha fatto innamorare ogni singolo cuore
la terra di Totò, di Massimo Troisi
n’adda esser’ ‘n infern, je voglio ‘o paraviso

‘a terra dda pizza, ddo babà, dda pastier
je voglio ‘na città.. che r’è stu cimiter.
moren’ ‘e criature cu sti tumur’
moren ‘e guagliun, pe sta città ancora s’addà truvà na cur’
Bast nun parlamm ‘e mort’
adderezzamm’ sta città che diventata stort’

‘E turist hanna venì ca pe ‘e cose belle
chest e a cchiù bella città, ‘a città e pullecenella
Voglio sentì “malafemmena”, ‘o sole mij, “‘o surdato ‘nnammurato”
allò sì ca pozz’ dicere ca Napule è rinat’
Nun ‘e pensamm ‘e cammurist, ‘a ggente ‘e miezz a vij
tanto all’ atu munno po so vereno cu Ddjo

Nel nome del padre del figlio e dello spirito santo
‘a questa terra dedico il mio pianto.

di Alessandro Piscopo

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"