Rosario Bianco presenta “OGNI SINGOLO GIORNO”

OgniSingoloGiornoLocandinaPiccola2 (1)

Il documentario con uno sguardo inverso sulla “terra dei fuochi”

Rogiosi Editore

 

 

 

La “terra dei fuochi” è un tema di cui negli ultimi tempi parlano molto i mass media italiani ed esteri, ma l’argomento è quasi sempre trattato mettendo al centro dell’attenzione solo i rifiuti tossici.

 

Il documentario “Ogni singolo giorno”, prodotto da Rogiosi Editore, inverte invece il punto di vista finora adottato dai media: il protagonista vero è l’uomo, la sua volontà di reagire al problema e le implicazioni della lotta nella vita quotidiana.

 

Il lavoro documentaristico nasce dal casuale incontro tra la giornalista napoletana Ornella Esposito, attivista per i diritti civili, e il regista friulano Thomas Wild Turolo già autore di lavori filmici ad alta rilevanza sociale.

Il binomio nord-sud, quindi esterno/interno, è uno dei punti di forza dell’opera che intende non solo proporre un diverso punto di vista sulla “terra dei fuochi”, ma soprattutto far conoscere il problema fuori dai confini campani e nazionali.

 

«Il documentario – spiega il filmaker Thomas Wild Turolo –  è una fotografia umana di questo difficile momento storico e sociale, un’istantanea che ritrae il problema della “terra dei fuochi” attraverso le storie dal basso, di chi vive e resiste (un prete, un medico, un fotoreporter, una mamma coraggio, un giovane e suo padre) su questi territori e tenta di migliorarli.

Persone – continua il regista – che hanno subìto la situazione, ma la affrontano anche con grande forza. Un inno alla vita che resiste e si afferma, un messaggio di speranza».

 

«Come cittadina campana – gli fa eco Ornella Esposito co-autrice del documentario – ho sentito forte l’esigenza di far capire che la mia terra non è l’unica regione italiana devastata dai rifiuti tossici, né l’unica responsabile di tali devastazioni, anzi, la Campania è diventata un esempio di cittadinanza attiva per le altre regioni».

 

A sposare l’idea di ”Ogni singolo giorno” la Rogiosi Editore, nella persona di Rosario Bianco, casa editrice e di produzione molto sensibile alle tematiche sociali e ambientali.

«Ho subito aderito al progetto del documentario – spiega il produttore Rosario Bianco – perché sono innamorato della mia terra, e credo che in questo momento sia  dovere di ciascun di noi fare qualcosa per darne un’ immagine che non sia solo rifiuti e rassegnazione».

 

Impreziosiscono il lavoro filmico le musiche – gentilmente concesse da Edizioni Graf e Mad Entertainment – dei Foja, gruppo tra i più interessanti nel panorama della musica indipendente napoletana, candidati al David di Donatello 2014 per il brano “A Malia” (miglior canzone del pluripremiato film “L’arte della felicità”) e ai Nastri d’Argento 2014 (categoria canzone originale) e la Premio Tenco.

Valore aggiunto del documentario è anche la troupe stessa composta dal direttore della fotografia Vincenzo Sbrizzi, la fotografa Marta Accardo, il fonico in presa diretta Davide Mastropaolo e Mauro Pagnano, fotoreporter della “terra dei fuochi”, tutte persone fortemente impegnate nel sociale.

Il docufilm è stato presentato alla stampa lo scorso 20 Giugno e già selezionato al Napoli Film Festival, al Meta Film Festival, al Festival internazionale di Trento “Tutti nello stesso piatto”, al Festival internazionale delle terre e proiettato in significative realtà associative (tra cui la libreria Feltrinelli di Pomigliano d’Arco) e istituzionali della Campania. Inoltre è in concorso ai David di Donatello 2015.

Nutrita la risonanza della carta stampata e on line sul lavoro filmico («La Repubblica», «Il Mattino», «Il Corriere della Mezzogiorno», «Cinema.info»  «Il Messaggero Veneto», «L’Espresso Napoletano», «Campania notizie», «Radio Siani», «Linkiesta.it», «Freakout magazine» e varie altre testate locali).

“Ogni singolo giorno” è disponibile in dvd (con sottotitoli in lingua inglese), il 10% del ricavato dalla vendita verrà devoluto in beneficenza all’Associazione “Noi genitori di tutti” delle giovani madri della “terra dei fuochi” che hanno perduto i loro bambini.