RifugiatiEuropa – De Magistris: “Mettiamo al centro la persona, a Napoli nessuno caccia i migranti

 

rifudiati-1

“Dobbiamo sovvertire la priorità dei valori mettendo al centro la persona: il denaro deve servire solo per vivere e non per arricchire gli oligopoli. L’Europa non è ancora la casa dei diritti e dei popoli. E perché questo avvenga noi sindaci ci candidiamo ad essere il megafono di chi voce non ha mai avuto voce, favorendo una vera rivoluzione culturale”. E’ l’appello lanciato dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris intervenendo al summit “Europa: i rifugiati sono nostri fratelli”, promosso dalla Pontificia Accademia delle Scienze oggi e domani in Vaticano con la presenza di 80 sindaci di tutto il mondo.
De Magistris ha evidenziato come “Napoli nel cuore del Mediterraneo sia da sempre una città rifugio per le persone che scappano dalle sofferenze economiche, e non solo, del mondo. Da noi abbiamo abolito il termine cittadini e preferiamo parlare di abitanti pro tempore della nostra città. A Napoli – ha detto il sindaco partenopeo –c’è tanta gente senza lavoro, senza casa, gente con tanti bisogni, ma mai nessuno che mi abbia detto: sindaco, cacciali via”.
E proprio alla generosità dei napoletani, de Magistris ha reso un sentito omaggio: “Quando nei giorni scorsi è arrivata in porto una nave di immigrati libici, c’è stata un vera e propria gara di solidarietà. Tra di noi non c’è una guerra tra poveri, e vorrei che coloro che chiedono di limitare l’immigrazione guardassero negli occhi i bambini, gli uomini e le donne che fuggono da guerre e persecuzioni”.
Per il sindaco di Napoli il vero problema è quello di capire che tipo di Europa vogliamo: “Quella dell’austerità, del fiscal compact, delle banche e della moneta unica o quella dei diritti, della giustizia sociale, dei popoli e dell’eguaglianza social?”, si è chiesto stigmatizzando il governo italiano che spende ogni giorno 64 milioni per spese militari. “Questi soldi potrebbero darli a noi sindaci che vogliamo dare una casa per accogliere chi fugge: anche perché non possiamo dimenticare che con articolo 11 della nostra Costituzione abbiamo rifiutato l’uso della guerra”.
“Le persone che arrivano da noi non sono pericolose ma in pericolo. I rifugiati non sono terroristi, sono poveri che fuggono dalla sete, dalla fame, dalla guerra e dalle organizzazioni criminali. Accoglierli è il migliore antidoto al terrorismo, se daremo loro amore – ha concluso il sindaco di Napoli riecheggiando le parole di Papa Francesco – loro resteranno sempre colpiti da questa nostra umanità”. 

About martina giugliano

Nata il 05/02/1991 a Napoli. Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Lettere Moderne. Addetto Stampa dell’Associazione “Social Evo“. Speaker radiofonica, tutti i venerdì curo la rubrica free time sulle frequenze di Radio Amore.